L’hanno rapinata, spintonata e insultata per il colore della sua pelle. E non si sono fermati neanche davanti alla sua gravidanza. Per questo, due ragazzi – una diciannovenne di Ancona e un 22enne di Caserta – sono stati arrestati mercoledì sera a Rimini.

La polizia è intervenuta alla fermata di un bus, dove la donna, incinta al sesto mese, ha subito riferito alla volante di essere stata aggredita e derubata del suo cellulare. Mentre la coppia continuava a deriderla, anche davanti agli agenti. “Ti faccio abortire, negra di m….” e “Negri di m… tornatevene a casa vostra”, sono alcuni degli insulti ascoltati da diversi testimoni.

Secondo quanto hanno raccontato i presenti, la donna sarebbe stata spintonata giù dall’autobus e sarebbe caduta a terra mentre si lamentava nei confronti della ragazza italiana per riavere il proprio cellulare. Evidentemente sottratto sull’autobus e poi effettivamente ritrovato dai poliziotti vicino l’uscita del pullman assieme a un portamonete e alla borsa della derubata.

La donna ha riferito anche di essere stata colpita con calci e pugni e di aver protetto d’istinto la pancia. Nel frattempo, le urlavano: “Ti faccio abortire negra di m..”. La ragazza è stata trasportata in stato di choc in ospedale per essere curata, mentre i due giovani sono stati arrestati per rapina.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il poliziotto: “Chiudetevi in casa”. Feriti in mezzo alla strada

next
Articolo Successivo

Nizza, a fuoco lo yacht dell’imprenditrice Diana Bracco: le immagini del salvataggio

next