Almeno quattro, cinque colpi di pistola. E diverse comunicazioni via radio nelle quali viene chiesto di allontanarsi. La Guardia costiera libica ha aperto il fuoco contro una nave della ong Proactiva Open Arms. L’episodio, denuncia l’organizzazione governativa, è avvenuto mercoledì mattina in acque internazionali di fronte alle coste libiche. 

A finire sotto il tiro dei militari è stata l’imbarcazione Golfo Azzurro, spedita domenica dalle autorità italiane a recuperare tre uomini libici a 100 miglia dalle coste nordafricane salvo poi indirizzare l’imbarcazione verso Malta, che ha però rifiutato l’attracco, negato anche a Lampedusa. Gli spagnoli erano tra le ong che non avevano ancora firmato il codice di condotta voluto dal governo italiano negli scorsi giorni: la firma è però alla fine arrivata lunedì mattina.

“I guardiacoste libici che vengono finanziati dall’Italia e dall’Europa ci hanno minacciato in maniera aggressiva e hanno sparato in aria all’altezza delle nostre teste. Eravamo a 13 miglia dalla costa, fuori dalle acque libiche. Chiunque era all’esterno si è rifugiato sotto coperta. E’ stato un atto deplorevole“, accusa Proactiva.

I libici avevano contattato l’imbarcazione via radio: “Stiamo osservando le vostre operazioni negli ultimi giorni. State portando avanti attività sospette, abbiamo conferme che avete rapporti con i trafficanti”, si ascolta nell’audio pubblicato da La Sexta Tv. “Non tornate – aggiunge la motovedetta libica – Non scherziamo, la prossima spareremo. Ricevuto?”. Poi, però, i colpi sono arrivati. “Siamo in una situazione estrema nel Mediterraneo – denuncia il portavoce della ong Oscar Camps – Siamo passati dall’immobilismo dell’Unione Europea a una scelta precisa: fermare le organizzazioni non governative”.


           
                        
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Federica Mogherini in Iran, polemiche inutili per il ‘selfie della discordia’

prev
Articolo Successivo

Londra, arrestato il runner che aveva spintonato una donna con il rischio di farla travolgere da un bus

next