Provocazione chiama provocazione. Far pagare più tasse ai singoli cittadini che ospitano profughi? Se la proposta-sfida della sindaca Pd di Codigoro ha scatenato la bufera a sinistra e nel suo partito, l’idea è invece piaciuta molto a Forza Nuova. Tanto che la sezione centro di Ferrara vuole premiare Alice Zanardi con una tessera ad honorem al partito di estrema destra.

La comunicazione della prima cittadina dem ha meravigliato tanti, ad iniziare proprio dal movimento di destra. “Apprendiamo con grande sorpresa l’affermazione della sindaca di Codigoro di voler aumentare le tasse ai cittadini che concedono i propri stabili per l’accoglienza di nuovi migranti in città” scrive Forza Nuova Ferrara in una nota. Il movimento di destra plaude all’iniziativa della democratica. Un gesto di “coraggio nel prendere atto della situazione in netta contrapposizione al proprio schieramento di appartenenza”. Tanto da volerle inviare la tessera ad honorem di Fn. Un “gesto simbolico” per manifestare “vicinanza” alla sindaca. Ma non è l’unica reazione a destra. La nota di Fn arriva sulla scia della provocazione di Matteo Salvini, leader della Lega: “Caro sindaco, cosa ci stai a fare nel Pd?”.

La democratica giovedì 3 agosto ha comunicato di voler aumentare le tasse per le strutture che ospitano i migranti. Salvo poi fare marcia indietro declassando l’annuncio allo status di “provocazione”, forse neanche attuabile. Nella cittadina ferrarese lunedì partirà comunque l’ondata di controlli sanitari e della polizia municipale e dei tecnici del comune per verifiche “in materia di abitabilità e il rispetto delle normative igienico-sanitarie“. A questo la sindaca non ha rinunciato. Anzi, come da comunicazione, ci saranno anche controlli fiscali della Guardia di Finanza.

La prima cittadina si è difesa nelle ultime ore opponendo alle critiche i numeri. Il comune di Codigoro “ha accolto, ci sono delle quote e noi le abbiamo superate”. Ma le polemiche non si sono placate. Mentre i  vertici regionali del Partito democratico hanno parlato di “soluzioni inefficaci”, anche il segretario Matteo Renzi dalla festa dell’Unità di Livorno ha bollato l’uscita della sindaca come “sbagliata”. Aggiungendo però che “è giusto aiutare i migranti a casa loro”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sondaggi, “Roma in declino per 3 cittadini su 4”. Pessimista anche 48% elettori M5s

next
Articolo Successivo

Alla festa dell’Unità di Livorno poca gente e ideali confusi: “Migranti? Mandiamoli a zappare la terra”. “Tornino a casa loro”

next