È entrato armato di motosega nell’ufficio di un’assicurazione, ha attaccato cinque persone, ferendone una in modo grave. Quindi si è dato alla fuga. Scene da film horror a Sciaffusa, nel nord della Svizzera, dove alle 10 e 40 del mattino un uomo senza fissa dimora si è introdotto in un immobile da una strada pedonale del centro storico. Poi è entrato nell’ufficio dell’assicurazione sanitaria CSS, di cui era cliente:  con la motosega che si era portato dietro ha quindi aggredito due dipendenti della compagnia. Uno è rimasto ferito in modo grave: trasportato all’ospedale è stato operato ed ora è fuori pericolo. Altre tre persone sono state ferite in modo lieve. Le autorità hanno escluso un atto terroristico, ma le cause del folle gesto restano oscure.

Di sicuro c’è solo che dopo una serrata caccia all’uomo le forze speciali della polizia non sono ancora riusciti a fermarlo: gran parte della zona dove è stato compiuto l’attacco è stata transennata e due elicotteri si sono alzati in volo.

Il ricercato nel frattempo è stato identificato: è alto un metro e novanta, è calvo e ha un aspetto trasandato. Si chiama Franz Wrousis ed è un emarginato, che vive principalmente nelle foreste. Il procuratore Peter Sticher ha riferito che l’uomo non ha fissa dimora, ma che in passato si era registrato come residente nel cantone svizzero di Graubuenden. Wrousis ha alle spalle due precedenti condanne, nel 2014 e nel 2016 per aver violato la legge sulle armi. Di lui sono state state diffuse foto scattate nel 2012 che lo ritraggono in un bosco, ma diversamente da come appare sulle foto, è ora calvo, hanno precisato gli inquirenti.  Il suo ultimo domicilio è nel canton Grigioni, in cui era immatricolato anche il suo furgone, un Volkswagen Caddy bianca di colore bianco, poi ritrovato dalla polizia. Le ragioni dell’aggressione contro i dipendenti della CSS non sono note: gli inquirenti ipotizzano però che l’attacco possa essere mirato alla compagnia assicurativa. Wrousis è ancora in fuga. “Non sappiamo dove possa essere“, ha detto il vicecomandante della polizia Ravi Landolt.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Turchia, al via il processo per i giornalisti del quotidiano d’opposizione Cumhuriyet: accusati di “terrorismo”

prev
Articolo Successivo

Polonia, manifestanti in piazza per giorni contro la riforma della giustizia: il popolo batte il parlamento sulle note di Imagine

next