“Lei non ce l’ha fatta e mi sento in colpa perché sono stato io ad insistere affinché acquistassimo questa villetta in Kenya”. Parla dal letto del Mombasa Hospital, Luigi Scassellati. Sua moglie, Maria Laura Satta, è stata uccisa nel corso di una violenta rapina nella loro villa di Kikambala, sulla costa nord del Paese. Lui si è salvato, ma non riesce a parlare bene perché con una bastonata gli assalitori gli hanno fatto saltare le protesi dentarie. “Lei era a terra in bagno – ricorda l’uomo, intervistato dal sito Africa-ExPress.info – piena di sangue e non si muoveva. La chiamavo, ma non rispondeva”. La polizia ha fermato il giardiniere della coppia, sospettato di aver avuto un ruolo nell’organizzazione della rapina. Martedì a Mombasa arriveranno i figli delle vittime, Roberto e Stefano.

(Foto Africa ExPress.info)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Polonia, manifestanti in piazza per giorni contro la riforma della giustizia: il popolo batte il parlamento sulle note di Imagine

prev
Articolo Successivo

Gerusalemme, governo decide rimozione dei metal detector alla Spianata delle Moschee

next