Un grattacielo di 19 piani, vecchia sede dell’Agenzia delle Entrate, in disuso da quasi dieci anni. E’ all’asta ma nessuno si è mai presentato. Così, ora, quella Torre è diventata la casa di chi non può più permettersela. Disoccupati, soprattutto, famiglie monoreddito che non riescono a pagare l’affitto. All’inizio erano 20 famiglie, poi sono diventate 56. In tutto 200 abitanti, la Torre è occupata fino al sesto piano. E’ la storia simbolo di una crisi abitativa che vede Livorno in testa alle classifiche per sfratti esecutivi: ce ne sono 40 al mese, dice il sindacato Asia Usb, a fronte di una media bassissima di assegnazioni (nel 2016 16 in tutto l’anno). “I 1200 euro non sono il milione e 200 di una volta – dice Gianfranco che abita nel grattacielo con moglie e tre figli dopo che ha perso il lavoro – Oggi chi guadagna 1600 euro non ce la fa a mantenere una famiglia, chi ne prende 1000 è alla fame. Chi è a meno di mille… è così”.

Gli abitanti del grattacielo si autogestiscono, come spiega Gianfranco. Il giovedì c’è l’assemblea, decidono per esempio lavori di manutenzione o pulizie di spazi comuni. “Rinunciamo a tutto: i vestiti, diminuiamo le cose da mangiare – racconta Roberto che con la famiglia è stato il primo ad occupare – Una volta c’avevamo l’auto, ora nemmeno più quella”. “Avevano un banco di frutti di mare – ricorda la madre 91enne trattenendo la commozione – Ne vendevamo a quintali, rifornivamo tutti i ristoranti di Tirrenia e Marina di Pisa“. Con la sua pensione da 650 euro vivono lei e altri 5 familiari. “A un certo punto bisogna rimboccarsi le maniche con tranquillità – dice Gianfranco – Che è una cosa difficile la tranquillità, perché la situazione è questa… Ma si va avanti”.

Sul grande palazzo incombe ora un’ordinanza di sgombero. Il sindaco Filippo Nogarin spiega chiaro che “nessun Comune medio sarebbe capace di riassorbire una situazione del genere”. “Facciamo di tutto – continua il primo cittadino – ma abbiamo bisogno dell’aiuto della Regione e dello Stato”. Per l’Asia Usb tuttavia il problema è profondo e nasce da lontano: “C’è bisogno di alloggi pubblici, il resto sono chiacchiere – spiega Giovanni Ceraolo – Purtroppo negli ultimi anni le leggi hanno permesso di vendere anche con formule di riscatto. Durante i piani di recupero è avvenuta la demolizione di interi blocchi senza però costruire un numero pari di alloggi”.

“Se avevo un lavoro, non mi interessava venire qui – allarga le braccia Iaho che abita qui con moglie e figli – Non è un posto per abitare qui. Mi vergogno a dirlo, ma chiedo la carità, mi aiuta la Croce Rossa, ho amici che mi portano la spesa. Spero che i miei figli abbiano un futuro, sono giovani. Ma io…”. Si interrompe. Da 4 anni Camelia va a chiedere una casa in Comune. “La coperta è corta – risponde Nogarin – Non perché siamo cattivi. Ma gli enti locali sono falcidiati dai tagli. E quindi innanzitutto dobbiamo essere rigorosi nell’applicare le regole”. “Io non andrò via da qui – spalanca gli occhi Camelia – Anche se mi fanno chissà cosa. Non voglio che mia figlia stia male nella sua vita”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccini, corteo a Milano per la libertà vaccinale. Migliaia in marcia: “No al decreto”

next
Articolo Successivo

Violenze sui bambini a Ratisbona, ora la Cei deve imparare la lezione

next