“Non capisco le polemiche, manco io avessi rivelato un segreto di Stato. Forse i parlamentari, o Renzi o qualcuno deve essersi distratto. Il comitato Schengen ha discusso del protocollo Triton, lo dice la presidente Ravetto, però è stato fatto quell’accordo che non è affatto segreto, che prevede che è l’Italia che coordina tutta l’operazione e che tutti devono sbarcare in Italia”. Così Emma Bonino a margine dei “Referendum Days“, la mobilitazione per il referendum radicale sulla messa a gara del trasporto pubblico a Roma, ha commentato la polemica a distanza tra nata tra lei e Renzi sul tema dei migranti. In un’intervista al Giornale di Brescia, l’esponente dei Radicali aveva parlato degli accordi siglati dall’Italia e dal governo Renzi per portare i migranti soccorsi tutti in Italia, in violazione degli accordi di Dublino. Dichiarazioni alle quali ha poi replicato Renzi: “È colpa di Dublino, non abbiamo deciso noi di spalancare le porte. Nel 2015 abbiamo fatto un accordo perché anche altri paesi Ue potessero farsi carico ma è rimasto sulla carta”. “Io  – ha aggiunto l’ex ministro degli Esteri – sono d’accordo sulla pressione sugli stati membri. Penso che invece la pura strada securitaria sia un’illusione.  Credo sacrosanto continuare la pressione sugli altri stati dell’Ue. Il problema è come. Io non credo ai ricatti come non pagare il fiscal compact, né a farlo sulla pelle dei rifugiati. Con la chiusura dei porti o cose del genere a pagare sarebbero solo loro. Noi proponiamo di abolire la Bossi-Fini. Bisogna tentare di combinare legalità e umanità. È difficile ma se la politica non si occupa delle cose difficili cosa ci sta a fare?”.

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Charlie Gard, ospedale chiede nuova udienza. Genitori: “Soddisfatti, ora può avere la sua chance”

next
Articolo Successivo

Migranti, dal centro alle periferie, le due facce di Milano: “Aiutiamoli” “No, sono troppi, rispediamoli a casa”. Il vox di Ricca

next