La moglie era già a libro paga da quasi un anno. Il marito invece è stato inserito soltanto da qualche giorno. A pochi mesi dalla fine naturale del suo governo, Rosario Crocetta riesce a battere ogni record. Tra i consulenti esterni della sua giunta, infatti, il governatore della Sicilia, è riuscito nell’impresa di includere una coppia di coniugi. Nella fattispecie – come racconta livesicilia.it – si tratta di un geometra e un’avvocato di Mistretta, in provincia di Messina. Il marito si chiama Rosario Andreanò e – come risulta dal portale web della presidente della Regione – il 27 giugno scorso è stato nominato da Crocetta istruttore del suo ufficio di gabinetto.

Già componente del consiglio d’amministrazione dell’Irsap – l’istituto regionale che in Sicilia si occupa di attività produttive –  Andreanò è un dirigente locale del Megafono, il movimento politico fondato dall’ex sindaco di Gela. Alla Regione Siciliana il geometra troverà sua moglie, Maria Teresa Zampino, che nel 2016 è stata nominata consulente legale dell’assessore alle Attività produttive, Mariella Lo Bello. Quella che è indicata come il braccio destro di Crocetta ha rinnovato ogni tre mesi l’incarico alla Zampino: l’ultima proroga è del 17 maggio scorso e scadrà il 17 agosto in cambio di 2.065,83 euro lordi. Ancora da stabilire lo stipendio di suo marito, che però dovrebbe essere di poco inferiore. A sei mesi dalle elezioni, dunque, Crocetta è riuscito ad assicurare un piccolo riconoscimento anche ai coniugi Andreanò, varando nello steso tempo il primo esempio di  famiglia di consulenti nella storia della Regione Siciliana.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pd, Renzi: “Le alleanze interessano solo a 3”. Franceschini: “Da soli perdiamo”. Le minoranze non votano la relazione

prev
Articolo Successivo

Asti, il neo sindaco rinuncia allo stipendio ma non alla poltrona nella banca locale. M5s lo diffida: “Incompatibile”

next