Colazione da Tiffany (1961)

Corsa sotto la pioggia, bacio appassionato e un gatto bagnato in braccio: se la scena finale di Colazione da Tiffany venisse girata oggi con uno smartphone e poi postata su Youtube, di certo farebbe milioni di visualizzazioni. Gli elementi per rendere la scena immortale ci sono tutti, ma va detto che il romanzo di Truman Capote ha un finale più dolceamaro rispetto alla sua traposizione cinematografia: Holly Golightly (Audrey Hepburn) non ritrova il suo gatto e non c’è nessuna storia d’amore tra lei e Paul (il narratore Fred nel libro), che semplicemente le promette di trovare il micio dopo che lei è ormai partita per il Brasile e non la vedrà più. Audrey Hepburn venne candidata agli Oscar, eppure il suo ingaggio non andò proprio giù a Capote, che al suo posto avrebbe voluto Marilyn Monroe.

INDIETRO

Giornata mondiale del bacio 2017, quali sono i più belli del cinema? Eccone otto, da Spiderman all’appassionato Ryan Gosling

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cinema Ritrovato 2017, il genio di Ferreri l’omosessualità latente di Cary Grant e i film verità di Med Hondo

next
Articolo Successivo

Spider-Man: Homecoming, l’Uomo Ragno torna fanciullo: tutto ciuccio e ragnatela

next