Casablanca (1942)

“Due cliché ci fanno ridere, cento cliché ci commuovono”, diceva Umberto Eco in merito a Casablanca, grande classico dell’epoca d’oro di Hollywood. La recensione del New York Times diceva che si trattava di “uno dei film più emozionanti e incisivi dell’anno”. E invece era destinato a diventare uno dei film più acclamati nella storia di Hollywood, nonostante il suo essere ben lontano dalla perfezione stilistica. È così famoso che anche chi non lo ha mai visto conosce alcune battute (“Forse noi oggi inauguriamo una bella amicizia”; “Avremo sempre Parigi”) e riesce a riconoscere al volo qualche scena se vista di sfuggita in tv. E tra le scene più celebri c’è certamente quella del bacio tra i due protagonisti Ilsa e Rick, interpretati da Ingrid Bergman e Humphrey Bogart, dopo un aspro litigio in cui lei arriva a minacciarlo con una pistola. Poi però si getta tra le sue braccia e ammette di amarlo ancora.

INDIETRO

Giornata mondiale del bacio 2017, quali sono i più belli del cinema? Eccone otto, da Spiderman all’appassionato Ryan Gosling

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cinema Ritrovato 2017, il genio di Ferreri l’omosessualità latente di Cary Grant e i film verità di Med Hondo

next
Articolo Successivo

Spider-Man: Homecoming, l’Uomo Ragno torna fanciullo: tutto ciuccio e ragnatela

next