Un commando armato ha attaccato un convoglio dell’Onu oggi vicino a Zawiya, città costiera libica a circa 50 chilometri a ovest di Tripoli, in teoria sotto il controllo del governo di unità nazionale guidato da Fayez Al Sarraj. Sette dipendenti dell’Unsmil e 12 uomini della sicurezza, riporta il Lybia Herald, sono stati sequestrati in cambio della liberazione di tre narcotrafficanti arrestati dalla Rada nella capitale. Secondo altre fonti l’intento era quello di fare pressione sull’Unsmil in modo che quest’ultima intercedesse presso l’Arabia Saudita e chiedesse la liberazione di due libici originari di Zawiya e di funzionari militari arrestati all’inizio di questa settimana alla Mecca. Il convoglio, composto da 5 veicoli, sarebbe stato fermato da un gruppo locale affiliato ad Al Qaeda, riporta l’agenzia egiziana Mena. Secondo fonti locali, i rapiti – tra cui figurano un americano, due svedesi, due giordani, un team di sicurezza romeno e alcuni libici – sono già stati liberati grazie alla mediazione dell’amministrazione comunale della città.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Germania, Merkel apre sui matrimoni omosessuali: la Cdu si spacca sul disegno di legge. E Schulz prova ad approfittarne

prev
Articolo Successivo

La cena si trasforma in una maxi rissa: al ristorante volano tavoli, sedie e cazzotti

next