Un uomo di 35 anni è stato ucciso a coltellate dalla convivente di origine brasiliana. È successo in via Pellegrini, nella periferia popolare del Campasso, in Val Polcevera, sulle colline alle spalle di Genova. Secondo le prime informazioni l’omicidio è avvenuto durante una lite sulle cui ragioni si sta indagando. La vittima, Alessio Rossi, ha cercato di mettersi in salvo scappando per le scale prima di stramazzare per terra e morire.

La donna si è poi barricata in casa minacciando di gettarsi nel vuoto. Solo le parole di una funzionaria delle Volanti accorsa sul posto l’hanno convinta dal desistere e a aprire la porta. Fermata e interrogata dalla polizia, l’omicida ha riferito che è stata costretta a colpire il compagno per difendersi perché da tempo vittima di violenze domestiche: “Mi picchiava sempre“. Secondo quanto appreso, l’uomo era stato denunciato e indagato due volte per maltrattamenti e lesioni nei confronti della convivente.

Per una prima vicenda era già stato rinviato a giudizio mentre per il secondo caso le indagini erano ancora in corso. Gli episodi si sarebbero verificati nell’ultimo anno. “Stiamo chiarendo l’esatta dinamica di quanto successo oggi pomeriggio – ha spiegato il procuratore capo di Genova – ma visti i precedenti non appare del tutto inverosimile la versione che ha dato la donna e cioè che abbia agito per difendersi. Gli inquirenti stanno comunque lavorando per ricostruire esattamente quanto successo”. I due, secondo alcune testimonianze, conducevano una vita difficile e precaria complicata dalla dipendenza di sostanze stupefacenti.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccini, festival invita il medico radiato: Burioni rifiuta il dibattito e protesta. E la Regione Marche toglie il patrocinio

next
Articolo Successivo

Morbillo, morto per le complicanze bambino di sei anni ricoverato a Monza

next