Conquistatori come nessuno. La notizia ha conquistato sia le pagine web di Nature che di Science. I gatti dominano il mondo da oltre 9.000 anni, con un vero e proprio impero che si estende dalla Romania del Mesolitico all’Angola dei nostri giorni, passando per l’antico Egitto e il Medioevo. Lo indica l’analisi del Dna dei resti di 200 gatti pubblicata sulla rivista Nature Ecology and Evolution.

La ricerca si deve al gruppo coordinato dalla genetista Eva-Maria Geigl, del Centro nazionale della ricerca scientifica francese (Cnrs), del quale fa parte anche l’italiano Claudio Ottoni, che lavora in Belgio all’università di Lovanio. I ricercatori hanno analizzato il Dna dei resti di gatti scoperti in diversi siti archeologici, comprese mummie dei felini sepolte nelle tombe dell’antico Egitto. L’analisi di tutti questi campioni, che risalgono al periodo tra 10.000 anni fa e l’800, “ci ha permesso di assegnare particolari linee genetiche presenti nei gatti domestici ai loro luoghi di origine” ha detto all’Ansa Ottoni. “Proprio riuscendo a stabilire i luoghi di origine delle linee di gatto domestico – ha aggiunto – lo studio ha permesso di stabilire che i gatti moderni discendono da due diverse popolazioni di gatto selvatico africano (Felis silvestris lybica)”. Secondo la ricerca il legame fra gatti ed esseri umani risale agli albori dell’agricoltura, nella Mezzaluna Fertile, circa 10.000 anni fa.

“Durante il Neolitico, in Medio-Oriente – ha detto il ricercatore – i gatti si avvicinarono alla comunità agricole attratti dai topi che infestavano i loro granai”. Dal Medio Oriente, i gatti addomesticati si sarebbero poi diffusi ovunque, seguendo gli spostamenti delle comunità agricole. La ricerca mostra, inoltre, che i gatti hanno stabilito un rapporto molto stretto con gli esseri umani anche in una seconda fase: in Egitto in epoca classica-romana, e anche in questo caso si sono spostati al seguito dei loro padroni, lungo le rotte commerciali. “I gatti – ha rilevato Ottoni – hanno viaggiato lungo le principali rotte marittime (ma anche terrestri) umane, per esempio quelle che collegavano l’India con l’Egitto attraverso l’oceano Indiano in epoca romana e poi verso il Mediterraneo, o successivamente quelle vichinghe, visto che abbiamo gatti con Dna di origine ‘egizianà in un sito Vichingo del Mar Baltico”. Tuttavia, ha aggiunto, “non è ancora chiaro se il gatto domestico egiziano discenda dai gatti importati dal Vicino Oriente o se in Egitto si sia verificata una separata e seconda domesticazione”. Lo studio ha anche scoperto che il gatto più comune nei tempi antichi era quello con il mantello a strisce, mentre i gatti maculati sono diventati comuni solo a partire dal Medioevo.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scoperti 219 nuovi pianeti grazie a Kepler: 10 sono come la Terra – VIDEO

next
Articolo Successivo

Hawking lancia l’allarme sul futuro della Terra: “La salvezza dell’umanità è in un nuovo mondo”

next