Ha partecipato anche lui alla manifestazione della Cgil a Roma contro i nuovi voucher.  Mykhaylo “Misha” Nesterenko, operaio 22enne ucraino residente a Bastiglia (nel modenese) da dieci anni, costretto per mesi a lavorare prima in nero a 4 euro l’ora e poi con la promessa mai rispettata di avere un contratto, pagato a voucher, senza tutele, diritti e formazione in un’azienda metalmeccanica modenese: “Il mio capo non versava neanche l’intera quota di 7,5 euro, ma solo 5,5”. Fino al giorno in cui si è gravemente infortunato, perdendo tre dita della mano destra mentre lavorava a una pressa. Dopo l’infortunio Misha apprende dalla Cgil di avere un contratto di apprendistato: “Ho saputo solo dopo l’incidente – spiega il lavoratore – anche se come l’avevano registrato il giorno stesso dell’infortunio. Tra l’altro, io non avevo firmato alcun contratto. Spero di avere un futuro normale, anche se so che sarà difficile”. E sulla reintroduzione dei voucher, Misha è rassegnato: “Ci saranno nuovamente abusi. Con i voucher non si può avere vita e lavoro in sicurezza”. Solo venerdì l’Ufficio parlamentare di bilancio, in un documento sui nuovi strumenti introdotti dalla manovra correttiva per sostituire i voucher, ha lanciato l’allarme sul rischio che i lavoratori impiegati in questo modo vengano utilizzati per “attività con un certo grado di rischiosità” senza adeguata formazione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Voucher, parte “Bella Ciao” e Camusso non resiste. Il ballo della segretaria sul palco della manifestazione di Roma

next
Articolo Successivo

Radiologo morto, Cassazione: “Il superlavoro ha contribuito a ucciderlo. La Asl risarcisca la famiglia”

next