Ha partecipato anche lui alla manifestazione della Cgil a Roma contro i nuovi voucher.  Mykhaylo “Misha” Nesterenko, operaio 22enne ucraino residente a Bastiglia (nel modenese) da dieci anni, costretto per mesi a lavorare prima in nero a 4 euro l’ora e poi con la promessa mai rispettata di avere un contratto, pagato a voucher, senza tutele, diritti e formazione in un’azienda metalmeccanica modenese: “Il mio capo non versava neanche l’intera quota di 7,5 euro, ma solo 5,5”. Fino al giorno in cui si è gravemente infortunato, perdendo tre dita della mano destra mentre lavorava a una pressa. Dopo l’infortunio Misha apprende dalla Cgil di avere un contratto di apprendistato: “Ho saputo solo dopo l’incidente – spiega il lavoratore – anche se come l’avevano registrato il giorno stesso dell’infortunio. Tra l’altro, io non avevo firmato alcun contratto. Spero di avere un futuro normale, anche se so che sarà difficile”. E sulla reintroduzione dei voucher, Misha è rassegnato: “Ci saranno nuovamente abusi. Con i voucher non si può avere vita e lavoro in sicurezza”. Solo venerdì l’Ufficio parlamentare di bilancio, in un documento sui nuovi strumenti introdotti dalla manovra correttiva per sostituire i voucher, ha lanciato l’allarme sul rischio che i lavoratori impiegati in questo modo vengano utilizzati per “attività con un certo grado di rischiosità” senza adeguata formazione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Voucher, parte “Bella Ciao” e Camusso non resiste. Il ballo della segretaria sul palco della manifestazione di Roma

prev
Articolo Successivo

Radiologo morto, Cassazione: “Il superlavoro ha contribuito a ucciderlo. La Asl risarcisca la famiglia”

next