Una nave della compagnia privata Medmar, la ‘Maria Buono’, è andata a sbattere contro una banchina nel porto di Casamicciola ad Ischia. I passeggeri, in attesa di sbarcare, sono caduti e tra questi circa 50 sono rimasti lievemente feriti. Una donna, soccorsa con ambulanza, ha riportato un lieve trauma cervicale.

L’imbarcazione, da quanto si apprende, ha effettuato la manovra di abbrivio alla banchina troppo velocemente ma non si può ancora stabilire se si tratti di errore umano o di un guasto tecnico. Gli accertamenti saranno effettuati dalla Capitaneria di Porto accorsa sul luogo dell’incidente. La Guardia Costiera ha fermato l’imbarcazione e ne ha impedito la partenza. I militari, coordinati dal tenente di vascello Alessio De Angelis, sono in attesa delle determinazioni dei tecnici del Rina (Registro italiano navale) che, giunti da Napoli, stanno ultimando un’ispezione della nave nell’ambito di un’inchiesta amministrativa che è stata aperta insieme con la Capitaneria di Porto.

I passeggeri hanno raccontato di aver “temuto fosse un attentato perché l’impatto è stato forte. Poi il panico a bordo tra i passeggeri ha fatto il resto”. “Al momento di alzarmi per avvicinarmi all’uscita c’è stato l’impatto – ha spiegato una donna – e in quel momento è stato il panico a bordo, sono stata investita e colpita da altri passeggeri in fuga sulla nave”.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Corruzione e mafia, il Vaticano pensa alla scomunica. “L’illegalità calpesta la sacra dignità della persona”

prev
Articolo Successivo

Corrotti e mafiosi, ecco l’iter della scomunica promessa dal Vaticano. Obiettivo: farla entrare in vigore nel 2018

next