L’annuncio della volontà di non rinnovare il contratto che lo lega al Milan ha fatto il giro del mondo. E adesso i grandi club di mezza Europa sono al lavoro per ingaggiare Gianluigi Donnarumma.  L’addio del portiere diciottenne alla squadra che lo ha lanciato, però, ha infiammato il dibattito in rete ma non solo. C’è chi non gli perdona il tradimento della maglia che Donnarumma diceva di amare, ma anche chi riconosce che per un simile talento è essenziale andare subito in un top club. Tanti i personaggi dello sport, dello spettacolo e del mondo del calcio che si sono espressi sulla decisione del portiere rappresentato dal manager Mino Raiola. Persino l’ex premier Matteo Renzi ha detto la sua. “Non ci metto il naso, ma certa è la difficoltà di avere delle bandiere nel calcio contemporaneo. Ancora abbiamo nel cuore l’addio di Francesco Totti, ma le scelte dei procuratori, più che dei calciatori, vanno in un senso diverso”, ha detto il segretario del Pd. E voi come la pensate? Gigio Donnarumma ha fatto bene a lasciare il Milan? Oppure doveva rimanere per diventare una bandiera rossonera?

•LA POLEMICA DI DOMENICO NASO – La scelta di un ragazzino ingrato

•LA POLEMICA DI MICHELE MONINA L’ambizione di Gigio, la rabona del ‘villano’ Raiola e la magra figura di un povero Diavolo

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milan, Donnarumma non rinnova. I tifosi: “Vai a baciare la maglia degli altri”

next
Articolo Successivo

Donnarumma via dal Milan? La scelta di un ragazzino ingrato

next