Il dato vero di queste amministrative? E’ che il centrodestra italiano, a differenza del centrosinistra, ingoia qualsiasi rospo. Quando deve vincere, si presenta unita. Se domani a Salvini dicessero che per essere al governo si deve vestire da muflone e canticchiare i Ricchi e Poveri, lui lo farebbe”. E’ il commento del giornalista de Il Fatto Quotidiano, Andrea Scanzi, intervenuto a Otto e Mezzo (La7) assieme al filosofo Massimo Cacciari e il notista politico del Corriere della Sera, Massimo Franco. “Il centrosinistra invece” – continuala firma del Fatto – “sta passando il tempo, anche in queste ore, a litigare. E’ una vecchia prassi di sinistra: Civati se la prende con Fratoianni, che se la prende con Bersani, che se la prende con Pisapia. E quindi, non si capisce questa cooperazione di centrosinistra a cosa porterebbe e chi la guiderebbe”. Scanzi analizza anche la débâcle del M5S: “Il movimento ha sempre avuto problemi alle amministrative. Ricordiamo che ha vinto in due occasioni: o in città dove c’è stato un disastro planetario nelle giunte precedenti, come a Roma, a Parma, a Livorno, oppure in quelle località dove i consiglieri comunali precedenti hanno lavorato bene ed è il caso di Appendino. In questa occasione non è successo né l’uno, né l’altro. Per esempio, a Taranto potevano avere delle chances, a Palermo avevano delle possibilità e neanche sono arrivati al ballottaggio, a Genova si sono suicidati, a Parma hanno isolato e trattato come un appestato Pizzarotti che sta governando bene e infatti è in testa al ballottaggio. Queste” – prosegue – “sono delle casistiche evidenti. In più, non sono radicati nel sistema e c’è ancora una ragione, per la quale Grillo potrebbe dire che non sono finiti, e infatti non sono finiti per niente: spesso il M5S è la prima lista in città dove non va al ballottaggio. A Palermo, ad esempio, se sei primo, ma non ti allei con nessuno, verrai sempre fatto fuori da alleanze e da questo formicaio di liste civiche“. E’ d’accordo Cacciari che aggiunge: “Il sistema elettorale delle amministrative obbliga alla coalizione, ma un partito come quello di Grillo, che è si è qualificato come anti-sistema e anti-inciuci, ha difficoltà enormi a vincere”

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Amministrative 2017, Morra (M5s) vs Rotta (Pd): “Siamo fieri della nostra identità”. “Chi vi ha provato non vi risceglie più”

next
Articolo Successivo

Scanzi: “Pd vincente? E’ come dire che Orfini è il nuovo cantante dei Led Zeppelin”. Cacciari: “Chiunque può fare meglio di Renzi”

next