Rafa Nadal vince il suo decimo Roland Garros. E lo fa senza aver ceduto nemmeno un set in tutto il torneo. Lo spagnolo ha battuto in finale Stan Wawrinka in tre set con il punteggio di 6-2, 6-3, 6-1 in due ore e 7 minuti di gioco. Nonostante il bilancio degli ultimi sei precedenti fosse in perfetta parità, il maorchino ha dominato la finale del secondo Slam stagionale. Grazie a questa vittoria, per la prima volta dall’ottobre 2014, Nadal torna numero 2 del mondo, dietro a Andy Murray.

Lo spagnolo torna al successo sulla terra parigina a tre anni dalla vittoria del 2014 contro Novak Djokovic. Per il mancino di Manacor, capace di conquistare ininterrottamente il Roland Garros dal 2005 al 2008 e dal 2010 al 2014. Diventa così il primo tennista uomo a conquistare per dieci volte un torneo dello Slam, il secondo di sempre dopo Margaret Court Smith che riuscì a vincere per 11 volte gli Australian tra gli anni Sessanta e Settanta. Più in generale, per lui si tratta della 15esima vittoria in un torneo dello Slam: è a tre titoli da Roger Federer. In questa stagione ha già conquistato 4 tornei (Monte Carlo, Barcellona e Madrid). Salgono così a 73 i titoli vinti, 53 dei quali sulla terra.

“Per me è davvero incredibile aver vinto per la decima volta. E’ molto speciale. Il mio francese è pessimo, ed è ancora più difficile parlare perché comunque sono molto emozionato”. Con queste parole, in francese, Nadal ha commentato a caldo il decimo successo sulla terra parigina. “Cerco di dare sempre il meglio ma la sensazione che ho qui è difficile da paragonare a quella che provo in altri tornei – ha ammesso lo spagnolo – L’adrenalina e la tensione che provo in questo campo è davvero impossibile da paragonare, senza ombra di dubbio è l’evento più importante della mia carriera. Non riesco a descriverlo in maniera migliore”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roland Garros 2017, la decima di un Nadal ‘galactico’

prev
Articolo Successivo

F1, Gp Canada: Vettel conquista punti grazie a un gran finale, ma Ferrari giù dal podio. Trionfo indisturbato di Hamilton

next