Al G7 di Taormina si era consumato uno strappo sulla lotta ai cambiamenti climatici, con Donald Trump indisponibile a firmare il documento finale. Ma almeno sul no al protezionismo i sette leader avevano raggiunto un accordo. E’ andata peggio durante la riunione annuale dell’Ocse che si è svolta il 7 e l’8 giugno a Parigi: gli Stati Uniti in questa occasione hanno fatto muro non solo sul clima, ma anche sul commercio. Tanto che lo statement finale è spaccato in due: una prima parte con il “consenso” di tutti i 35 ministri partecipanti e una seconda lista di punti preceduti dalla dicitura “near consensus“, cioè “quasi consenso”. Niente unanimità, perché in 34 si sono espressi a favore ma Washington si è sfilata.

Gli aspetti che gli Stati Uniti non hanno firmato riguardano l’approccio multilaterale al commercio internazionale: il “libero commercio basato sulle regole”, il principio della non discriminazione tra partner economici, la necessità di rafforzare le funzioni del Wto nella soluzione delle dispute tra Paesi, il riconoscimento che accordi commerciali multilaterali con ampia partecipazione possono essere uno strumento utile per promuove la liberalizzazione degli scambi.

Niente firma, ovviamente, nemmeno sotto i punti relativi agli accordi di Parigi sul clima, di cui gli altri Paesi invece riconoscono il carattere di “pietra miliare per affrontare in modo efficace il cambiamento climatico” e “indicare la direzione per la necessaria transizione verso un’economia a basso consumo di carbone”. Non solo: mercoledì gli Usa non avevano sottoscritto la convenzione multilaterale contro l’evasione fiscale delle multinazionali, firmata da oltre 60 Paesi, adducendo il motivo di avere già regolamentato la materia con le leggi federali.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Trump, Comey in audizione al Senato: “Ha mentito su di me e l’Fbi. Voleva che lasciassi cadere l’indagine su Flynn”

prev
Articolo Successivo

Taner Kilic, Del Grande: “Turchia liberi il presidente di Amnesty International”

next