Plebiscito degli iscritti al Movimento 5 Stelle a favore della legge elettorale alla tedesca. Alla consultazione online sulla piattaforma Rousseau, annunciata venerdì sera e aperta fino alle 19 di domenica, hanno partecipato “29.005 iscritti certificati”, si legge in un post a firma di Beppe Grillo pubblicato sul suo blog, tra i quali “27.473 hanno votato sì e 1.532 hanno votato no”. Di conseguenza “la legge elettorale che il M5S voterà in Parlamento sarà il proporzionale tedesco con soglia di sbarramento al 5% ed eventuali correttivi, costituzionalmente legittimi, per garantire una maggiore governabilità”.

Poi, “una volta che avremo una legge elettorale si potrà votare subito”, scrive Grillo. “Hanno allungato il brodo fino a oggi: non hanno fatto nulla per il Paese, ma cercano disperatamente di arrivare al giorno della loro pensione da privilegiati che scatta il 15 settembre. Il MoVimento 5 Stelle vuole che si vada al voto prima di questa fatidica data: è una delicatezza istituzionale che questa classe politica sciagurata deve al popolo che ha massacrato per decenni. Venerdì 8 settembre 2017 ricorre il decimo anniversario del primo V-Day. Le elezioni domenica 10 settembre con la cancellazione dei privilegi sarebbero un modo magnifico per festeggiarlo. Noi ci siamo”.

“Non siamo disposti a scendere a compromessi né a votare altre corbellerie incostituzionali come il Verdinellum e il Rosatellum“, continua il garante del Movimento. “La discussione sulla legge elettorale da noi proposta deve avvenire in maniera trasparente nella sede apposita: il Parlamento. Gli incontri segreti a porte chiuse al Nazareno, che hanno prodotto una riforma costituzionale bocciata sono uno sfregio alle regole democratiche e un indegno mercato delle vacche“. Per lunedì 29 è previsto un faccia a faccia in Parlamento, appunto, tra i grillini e il Pd.

Domenica Matteo Renzi, intervistato dal Messaggero, ha detto che un accordo sul sistema tedesco con Berlusconi e Grillo per la legge elettorale “in teoria” è possibile, lo ha chiesto anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e dunque il Pd lavora “per rispondere” a questo invito, anche se “la prudenza è d’obbligo”. “I grillini non sono gli ingenui idealisti che vogliono far credere di essere”, se scelgono il tedesco “lo fanno perché sanno che conviene a loro”, ha chiosato poi l’ex premier. “Sappiamo tutti che Renzi e Berlusconi si stanno organizzando per un’alleanza pre e post elettorale, ma la legge elettorale non deve diventare ancora una volta merce di scambio“, ribatte Grillo. “Gli italiani devono avere una legge elettorale costituzionale e chiara che consenta loro di scegliere se governare il Paese con il MoVimento 5 Stelle o farsi governare dall’alleanza Pd – Forza Italia, come è da 20 anni a questa parte”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

PERCHÉ NO

di Marco Travaglio e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

M5s Avola, Giarrusso: “Bruciata la macchina del nostro candidato sindaco. Vile atto di intimidazione mafiosa”

next
Articolo Successivo

Moby Prince, Concordia, Viareggio: in Toscana nasce l’Armadio della Memoria: un centro per non dimenticare le stragi

next