Nel filmato, pubblicato su Facebook dalla pagina del comune di Bologna, un coro sardo Lachesos Mores sfrutta l’acustica offerta dal Voltone del Podestà per intonare un canto popolare. Si tratta di ‘Nanneddu meu‘, una canzone scritta nel 1974, che si basa su una poesia di Peppino Mereu, risalente al 1899. Il testo denuncia le condizioni in cui versavano gli strati sociali più bassi alla fine dell’ottocento in Sardegna.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Attenti a quei due, cosa staranno combinando le piccole pesti? La mamma li riprende di nascosto

next
Articolo Successivo

Troppo ubriachi per suonare, la performance del gruppo metal diventa estrema

next