Sale la tensione tra la Corea del Sud e quella del Nord. Seul ha sparato “circa 90 colpi di avvertimento” lungo il confine dopo l’arrivo “di un oggetto non meglio identificato”. A riportare l’accaduto è l’agenzia Yonhap, citando fonti militari sudcoreane. Il fatto è successo oggi, il giorno dopo l’approvazione di Pyongyang “della produzione su vasta scala del nuovo missile a medio-lungo raggio denominato Pukguksong-2, il cui lancio del 21 maggio nel Mar del Giappone è stato ritenuto dalle autorità della Nord Corea “un successo”.

Intanto il neo-eletto presidente sudcoreano Moon Jae-in ha chiesto aiuto a Papa Francesco nell’organizzazione di un vertice con lo stato del presidente di Kim Jong-un. A riferire la richiesta di un intervento del numero uno della Chiesa cattolica è il quotidiano locale JoongAng Ilbo, secondo cui Kim Hee Joong, capo dell’associazione dei vescovi di Seul, è in Vaticano allo scopo di consegnare una lettera di Moon sull’argomento. La richiesta, in altri termini, sarebbe modellata sul ruolo svolto da Bergoglio nella normalizzazione dei rapporti diplomatici tra Stati Uniti e Cuba del 2014. Ma l’Ufficio della presidenza di Seul ha precisato, rispetto a quanto scritto da JoongAng Ilbo, che la Corea del Sud ha chiesto al Pontefice un intervento “per la pace e la riconciliazione” nella penisola coreana, non per la mediazione relativa ad un incontro istituzionale tra Nord e Sud Corea. “L’arcivescovo Kim è previsto consegni una lettera personale del presidente (Moon Jae-in, ndr) al Papa. Ad ogni modo, la lettera non contiene la richiesta al Papa di aiutare la mediazione di un summit tra Nord e Sud”, ha affermato il portavoce Park Soo-hyun in un comunicato.

Il quotidiano di Seul, citando quanto detto dall’arcivescovo Kim, scrive che il suo scopo, nei panni di “inviato speciale” di Moon, è un’udienza col Papa, tra oggi e domani, in modo da affidare la missiva in cui si chiede un lavoro di intermediazione per un summit tra le due Coree. Nord e Sud hanno finora avuto due incontri bilaterali, entrambi a Pyongyang, sull’onda del disgelo e del dialogo della “Sunshine policy” lanciata dal presidente sudcoreano Kim Dae-jung, premio Nobel per la Pace: il primo nel 2000, tra lo stesso Kim e il “caro leader” Kim Jong-il, e il secondo nel 2007 tra il presidente Roh Moo-hyun e Kim Jong-il.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Attentato Manchester, le reazioni dei leader. Trump: “Questa ideologia perversa va completamente annientata”

next
Articolo Successivo

Attentato Manchester, May: “La polizia sa chi è il kamikaze. L’allarme resta alto, probabile un nuovo attacco”

next