“Noi eravamo abituati a sentir dire che quest’inchiesta non stava né in cielo né in terra. In privato c’è un uomo che dice esattamente il contrario di quello che dice in pubblico“. Così il direttore de Il Fatto Quotidiano Marco Travaglio, intervistato da Giovanni Floris a DiMartedì (La7) sulle intercettazioni che vedono coinvolti l’ex premier Matteo Renzi e il padre Tiziano: “C’è un Renzi che abbia avuto il sospetto che il padre era intercettato. Perché Renzi fa queste domande? – osserva il direttore – fa queste domande perché è intimamente convinto della fondatezza dell’indagine. Non può esistere un politico che ha una verità in privato e il contrario nel pubblico”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Luca e Paolo: “Cocaina nei bagni di Palazzo Madama? Finalmente abbiamo capito a cosa serve il Senato”

next
Articolo Successivo

Giustizia, scontro Davigo-Lavia: “Vengono cambiate le leggi per abolire i reati e fare assolvere gli imputati”. “Concezione tribale”

next