Nuovo record per il debito pubblico italiano. A marzo ha toccato quota 2.260,3 miliardi, in aumento di 20,1 miliardi rispetto al mese precedente. E’ quello che emerge dal bollettino Finanza pubblica, fabbisogno e debito della Banca d’Italia.

L’incremento è dovuto al fabbisogno mensile delle amministrazioni pubbliche (23,4 miliardi), parzialmente compensato dalla diminuzione delle disponibilità liquide del Tesoro scese a 54,6 miliardi, 2,2 in meno rispetto al mese precedente e quasi 16 in meno rispetto a marzo 2016. Il debito delle amministrazioni centrali è aumentato di 20,3 miliardi, mentre quello delle amministrazioni locali è diminuito di 0,2 miliardi. Quello degli enti di previdenza è rimasto quasi invariato.

A marzo le entrate tributarie contabilizzate nel bilancio dello Stato sono state pari a 28,6 miliardi contro i 27,8 dello stesso mese del 2016. Nel primo trimestre del 2017 sono state pari a 92 miliardi, in crescita del 2,7 per cento rispetto al corrispondente periodo del 2016.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Anac, ripristinati solo in parte i poteri sugli appalti irregolari: dovrà ricorrere al Tar. Cantone: “Bene, più garantismo”

next
Articolo Successivo

Banca Etruria, Ghizzoni: “Parlerò in commissione d’inchiesta”. Ma per Boccia la sua audizione “non è una priorità”

next