“È importante che adesso l’Italia prenda provvedimenti per il diritto d’asilo delle persone omosessuali in Cecenia e per intervenire in sede internazionale come il Consiglio d’Europa”. Lo ha detto Marco Cappato, dell’associazione Luca Coscioni, a margine della conferenza stampa di Yuri Guaiana, l’attivista arrestato e rilasciato ieri in Russia a causa di una petizione sui diritti dei gay in Cecenia.” Ci sono attivisti russi che in questi casi rischiano molto di più rispetto a quelli che vengono dall’estero perché la Russia di Putin è un paese che non riconosce libertà fondamentali tra le quali nemmeno quella di manifestare il proprio pensiero”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Disabili, la crociata per ottenere (forse) l’Home care premium dall’Inps

next
Articolo Successivo

Rientrato in Italia Yuri Guaiana: “Persone lgbt in Russia e in Cecenia non hanno la mia fortuna e non possono tornare a casa”

next