Prima manifestazione a Parigi di centri sociali e sindacati contrari al presidente neoeletto, Emmanuel Macron. Studenti, disoccupati, anarchici, ma anche esponenti sindacali della Cgt si sono dati appuntamento a place della Republique per dare vita a una iniziativa di protesta con lo slogan: “Lo Stato non è un’impresa“. Nel corso della manifestazione ci sono stati alcuni momenti di tensione con la polizia. In particolare dopo lo scoppio di quella che a molti è sembrata una bomba carta, si sono schierati gli agenti in assetto antisommossa. Nel video si vede un esponente dei sindacati pregare un poliziotto di “tirare giù l’arma” con molta probabilità una pistola spara lacrimogeni, per abbassare il livello di tensione ed evitare scontri con i manifestanti. Dopo alcuni minuti si volta verso il corteo: “Avete visto? L’ha abbassata andate pure avanti”.

 

 

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il volume della musica è troppo alto, l’anziana si lamenta. I giovani le fanno la festa

prev
Articolo Successivo

Sud Sudan, l’allarme di Unicef e Unhcr: “Un milione di bambini in mezzo a 1,8 milioni di profughi”

next