“A Napoli si dice “Pulcinella che si spaventa per le corna delle lumache”. In Italia ci sono pericoli ingigantiti che rovesciano completamente l’evidenza». Lo scrittore e giornalista Erri De Luca, durante la presentazione del suo libro ‘Natura Esposta’ alla sala dei Notari di Perugia, liquida così il dibattito intorno alla necessità della legge sulla legittima difesa, che dopo l’approvazione alla Camera attende il passaggio a Palazzo Madama. Il testo? “Non allarga il pericolo di strage, perché non c’è un rischio di armamento massiccio della società. Allo stesso tempo non scoraggia i malintenzionati e non rassicura i cittadini che temono l’incursione in casa. Mi sembra una di quelle cose all’acqua fresca, come fa spesso questo Parlamento – commenta – una manovra pubblicitaria“.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni Francia, il Corriere riporta: “Sono delle merde”. Ma Le Pen minaccia querela

next
Articolo Successivo

Voto ai 16enni, l’M5S rilancia: “Decidano sul loro futuro”. Pd e Lega da sempre d’accordo. Ora si passa ai fatti?

next