Un elettorato formato per il 65% da over 55: sembra un gioco di parole e invece è il ritratto di chi ha votato Renzi alle primarie, tracciato da Ilvo Diamanti su Repubblica. I dati sono forniti da un’indagine di CLS curata da Fulvio Venturino, Marco Valbruzzi e Antonella Seddone, che hanno intervistato 3700 persone all’uscita dei seggi. Primarie caratterizzate da una spiccata partecipazione, sì, ma prevalentemente di pensionati (41%), coerentemente con l’età media di chi si è messo in coda ai gazebo: il 42% ha più di 65 anni, il 21% è fra i 55 e i 64 anni, un altro 21% ha ha fra i 35 e i 54 anni e solo un 15% ha meno di 35 anni. Un notevole spostamento in avanti rispetto alle primarie del 2013, quando i più anziani alle urne costituivano il 29% (13 punti in meno) e i giovanissimi il 19% (4 punti in più). Queste sono le cifre globali dell’intero Pd, ma esistono differenze fra i tre candidati, e il primato di “anzianità elettorale” spetta al rottamatore di Firenze: altro che Simpson e giubotti di pelle, a restituire il partito a Renzi è stato il “popolo dai capelli grigi”, come lo definisce Diamanti. Più bassa l’età media degli elettori di Michele Emiliano: per il 20% sotto i 35 anni, 32% fra i 35 e i 54 anni, e quasi la metà sopra i 55 anni (44%). Anche gli elettori di Andrea Orlando hanno già la testa imbiancata: più della metà (58%) sono sopra i 55 anni, il 19% sono under 35 e il restante 43% è fra i 35 e i 54 anni.

Il 14% di chi ha partecipato alle primarie appartiene alla categoria dei lavoratori autonomi, e la stessa percentuale sono dipendenti del settore pubblico. Il 16% sono dipendenti privati; scompaiono gli studenti: solo il 7%, di fronte ai pensionati, che sono quasi sei volte tanto. Se si analizza il voto in base all’auto-collocazione politica, il 47% – oggi come nel 2013 – si definisce di “centrosinistra“. Cala leggermente la percentuale di chi si definisce di “sinistra” (37% contro 34%) e aumenta di 3 punti chi si colloca nell’aerea di centro e centrodestra. Fra gli elettori di Emiliano e di Orlando, rispettivamente il 44% e il 47% di loro si definisce di “sinistra”, mentre il 50%  dei renziani si definisce di “centrosinistra”. Il risultato delle primarie sostanzialmente è lo specchio del referendum del 4 dicembre: il 90% di chi ha dato la propria preferenza a Renzi aveva votato “” alla riforma costituzionale e in larghissima parte (86%) danno una valutazione positiva del governo Gentiloni. Gli altri due candidati hanno raccolto invece le opinioni dissidenti: la maggioranza di chi ha votato Emiliano (il 53%) aveva votato “No” al referendum e valuta negativamente (60%) il governo Gentiloni.  I sostenitori di Orlando stanno nel mezzo: per il 59% hanno votato per il “Sì”alla riforma costituzionale e il 73% valuta positivamente il nuovo governo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Primarie Pd, boom di votanti a Catania: ‘I 2 euro? Me li hanno dati per darli a loro’

next
Articolo Successivo

Primarie Pd, Martina: “Renzi votato dagli anziani? È uno stimolo a fare di più e meglio”

next