Marine Le Pen ha copiato un discorso di François Fillon“. Secondo quanto rivela ‘Ridicule tv‘, legato all’ex candidato conservatore, nel comizio tenuto ieri a Villepinte l’esponente dell’ultradestra avrebbe usato le stesse parole utilizzate da Fillon il 15 aprile a Puy-en-Velay. Nel video postato sul canale youtube vengono sovrapposti alcuni passaggi del discorso di Fillon con quello di Le Pen. Il candidato del centrodestra, poi sconfitto al primo turno una settimana dopo, si era lanciato in una ispirata descrizione della geografia francese a cominciare dalle “frontiere terrestri: i Pirenei innanzitutto, che immettono la Francia in questo immenso insieme che è il mondo ispanico e latino; la frontiera delle Alpi, verso l’Italia nostra sorella e, al di là, l’Europa centrale, balcanica e orientale”. Fillon aveva anche detto che se uno straniero impara il francese “qualche volta pagando molti soldi, in Argentina o in Polonia, se esistono delle liste d’attesa per iscriversi all’Alliance française di Shanghai, di Tokio, del Messico, o al liceo francese di Rabat o di Roma, se Parigi è la prima destinazione turistica mondiale, è perché Parigi non è solo una potenza industriale, agricola o militare”. Ieri, nel suo discorso alle porte di Parigi davanti a migliaia di persone, Le Pen ha pronunciato le medesime parole. Il numero due del Front national, Florian Philippot, intervistato dall’emittente France Info, ha provato a dare una giustificazione parlando di “una strizzata d’occhio consapevole e rivendicata a un breve discorso sulla Francia”. Cosa che, secondo Philippot, dimostra che Le Pen “non è una candidata faziosa”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Siria, “mille civili morti in un mese”. Nuovo attacco Isis al confine iracheno

prev
Articolo Successivo

Francia al voto tra paura e distacco. Ma guai a chi se la prende con gli astenuti

next