“Da Lisbona a Torino era meglio il motorino”. Questa la frase trovata sui muri del capoluogo piemontese, lungo la strada che porta a Superga, a neanche 24 ore dall’anniversario della tragedia del 4 maggio del 1949. La scritta è comparsa di notte e fa riferimento al disastro aereo in cui morirono tutti i calciatori del Grande Torino. Appresa la notizia, riferiscono i quotidiani locali, i tifosi granata si sono subito mobilitati per rimuovere le scritte con della vernice. La più grande strage che abbia colpito il calcio italiano è avvenuta poco dopo le 17 del 4 maggio di 68 anni fa quando l’aereo che trasportava i giocatori granata di ritorno da una partita a Lisbona si è schiantato contro la collina di Superga.

In quell’occasione è scomparsa per sempre l’intera squadra con campioni del calibro di Valentino MazzolaLoik, Gabetto, Ossola. In totale morirono in 31, compresi alcuni dirigenti, giornalisti e uomini dell’equipaggio dell’aereo. Alcuni media locali ipotizzano che i responsabili possano essere alcuni tifosi della Juventus, visto anche che sabato sera ci sarà anche il derby della Mole tra i bianconeri e la squadra allenata da Sinisa Mihajlović, in una gara che potrebbe essere decisiva per la vittoria dello Scudetto per la società presieduta da Andrea Agnelli.

A poche ore dalla semifinale di Champions di stasera tra Juventus e Monaco, Claudio Marchisio ha criticato su Twitter gli autori delle scritte offensive ai danni della memoria del Grande Torino.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Russia 2018 con moviola in campo: addio gol fantasma. Come sarebbe cambiata la storia dei mondiali grazie alla tecnologia

next
Articolo Successivo

Muntari, squalifica annullata: la Corte sportiva d’Appello applica il buon senso e ribalta la decisione del giudice

next