“Da Lisbona a Torino era meglio il motorino”. Questa la frase trovata sui muri del capoluogo piemontese, lungo la strada che porta a Superga, a neanche 24 ore dall’anniversario della tragedia del 4 maggio del 1949. La scritta è comparsa di notte e fa riferimento al disastro aereo in cui morirono tutti i calciatori del Grande Torino. Appresa la notizia, riferiscono i quotidiani locali, i tifosi granata si sono subito mobilitati per rimuovere le scritte con della vernice. La più grande strage che abbia colpito il calcio italiano è avvenuta poco dopo le 17 del 4 maggio di 68 anni fa quando l’aereo che trasportava i giocatori granata di ritorno da una partita a Lisbona si è schiantato contro la collina di Superga.

In quell’occasione è scomparsa per sempre l’intera squadra con campioni del calibro di Valentino MazzolaLoik, Gabetto, Ossola. In totale morirono in 31, compresi alcuni dirigenti, giornalisti e uomini dell’equipaggio dell’aereo. Alcuni media locali ipotizzano che i responsabili possano essere alcuni tifosi della Juventus, visto anche che sabato sera ci sarà anche il derby della Mole tra i bianconeri e la squadra allenata da Sinisa Mihajlović, in una gara che potrebbe essere decisiva per la vittoria dello Scudetto per la società presieduta da Andrea Agnelli.

A poche ore dalla semifinale di Champions di stasera tra Juventus e Monaco, Claudio Marchisio ha criticato su Twitter gli autori delle scritte offensive ai danni della memoria del Grande Torino.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Russia 2018 con moviola in campo: addio gol fantasma. Come sarebbe cambiata la storia dei mondiali grazie alla tecnologia

next
Articolo Successivo

Muntari, squalifica annullata: la Corte sportiva d’Appello applica il buon senso e ribalta la decisione del giudice

next