/ di

Andrea Tundo Andrea Tundo

Andrea Tundo

Giornalista

Nato in un giorno qualunque di un anno qualsiasi a Brindisi, terra di vento, contraddizioni e canestri. Inizio a scrivere a diciotto anni per il Nuovo Quotidiano di Puglia, dove tra tanti insegnamenti ho anche scoperto che in una redazione non si può entrare in bermuda.

Ho collaborato con La Gazzetta dello Sport e Superbasket e nel frattempo mi sono laureato in Scienze della comunicazione con una tesi su Mourinho. Poi scuola di giornalismo, stage a Sky Sport24 e La Repubblica. E ora Il Fatto Quotidiano: sport soprattutto, ma non solo.

Da bambino volevo diventare dentista o notaio. Il cuore dice che ho fatto bene a cambiare idea, le bollette da pagare meno. Vivo a Milano, amo il mare del Salento e le trattorie (quelle veraci).

Articoli di Andrea Tundo

Ambiente & Veleni - 12 dicembre 2017

Enel Brindisi, il perito del tribunale: “C’era amianto nella centrale. Operai probabilmente esposti oltre i limiti”

“Si può ragionevolmente presumere” che nella centrale Enel Federico II “era presente amianto”. E “in via probabilistica” gli operai erano esposti alle fibre “in concentrazione media superiore al limite” stabilito dalla legge. C’è una perizia disposta dal tribunale di Brindisi che rischia di inguaiare l’azienda elettrica, che ha sempre negato la presenza di amianto nello […]
Giustizia & Impunità - 11 dicembre 2017

Scontro treni Puglia, “azienda conosceva criticità sicurezza”. Ma poco prima della strage i soci si divisero 2,5 milioni di utili

L’ultima volta era accaduto il 21 ottobre 2014, quando un treno era partito proprio dalla stazione di Andria “senza via libera”. Di episodi identici sulla linea Bari-Barletta se n’erano registrati altri 6 tra il 2003 e il 2015, erano state aperte le inchieste disciplinari – senza però segnalare le ‘situazioni critiche’, venti in tutto, alle […]
Cronaca - 11 dicembre 2017

Scontro treni Andria-Corato, chiusa l’inchiesta: 19 indagati. C’è anche il dg del ministero: “Non vigilò sulla sicurezza”

I capostazione Vito Piccarreta e Alessio Porcelli, ma anche i dirigenti di Ferrotramviaria per aver nascosto 20 incidenti sfiorati negli ultimi quattro anni e non aver investito 664mila euro per l’installazione del sistema minimo di sicurezza utile ad evitare che il 12 luglio 2016 i treni che percorrevano la tratta Andria-Corato si scontrassero provocando 23 […]
Giustizia & Impunità - 10 dicembre 2017

Norman Atlantic, la procura dice no al dissequestro del relitto. Legali vittime: “È monumento all’evitabilità dei disastri”

La Norman Atlantic deve rimanere nel porto di Bari. Lo ha stabilito la procura pugliese rigettando la richiesta di dissequestro del relitto del traghetto naufragato nel dicembre 2014 al largo delle coste albanesi dopo un incendio scoppiato a bordo, in cui persero la vita 29 persone. La nave venne prima trasportata a Brindisi per le operazioni di spegnimento […]
Giustizia & Impunità - 6 dicembre 2017

Crollo Torre Piloti, l’atto d’accusa del pm: “È un caso unico al mondo. Pericolosità immediatamente percepibile a chiunque”

La Torre Piloti nel porto di Genova è un “caso unico al mondo” e la “pericolosità” del suo posizionamento “risultava immediatamente percepibile” a chiunque. Sarebbe bastato far caso alla fotografia scattata da una delle vittime del suo crollo – a causa dell’impatto con il cargo Jolly Nero, il 7 maggio 2013 – alcuni mesi prima dell’incidente: “Dimostra […]
Cronaca - 5 dicembre 2017

Scontro treni Andria-Corato, l’indagine ministeriale: “La legge del 2007 sulla sicurezza applicata solo dopo l’incidente”

La normativa europea non fu “correttamente” recepita, nonostante “non prevedesse in tal senso né deroghe né proroghe“. Eppure l’applicazione del decreto legislativo con il quale l’Italia si adeguava alle norme imposte dall’Unione europea “è di fatto avvenuta dopo circa nove anni, successivamente all’incidente ferroviario”. Se tutto fosse andato secondo i tempi previsti, la “corretta implementazione” […]
Giustizia & Impunità - 28 novembre 2017

Rigopiano, il braccio destro di D’Alfonso solo 2 ore in ufficio. “C’è gente sotto una slavina”. “Il governatore se ne frega”

Ci furono “sovrapposizioni e fraintendimenti”, turbine ‘doppione’ e altre che scompaiono. Vennero date “disposizioni confliggenti”, sintetizzano i carabinieri del Noe di Pescara, durante l’emergenza neve in Abruzzo nelle ore in cui la coltre bianca si accumulava e poi, spinta giù dal terremoto, travolse l’hotel Rigopiano di Farindola seppellendo 29 persone. E intanto i cellulari squillavano, arrivavano […]
Ambiente & Veleni - 27 novembre 2017

Taranto, polveri Ilva sul rione Tamburi: scuole chiuse per 4 giorni in un mese. La preside: ‘Senza istruzione non c’è riscatto’

Quattro giorni di lezione persi in un mese e il rischio che il numero salga nel corso dell’anno scolastico. Per colpa delle polveri dell’Ilva, le scuole del quartiere Tamburi di Taranto sono rimaste chiuse anche oggi e la stessa situazione si ripeterà anche domani. “Per migliorare la situazione i miei studenti hanno come unico strumento proprio […]
Politica - 22 novembre 2017

Bari, insulti alla consigliera Melini sulla scheda: colleghi si spaccano sulla perizia calligrafica. Lei: “La politica ha fallito”

“La politica ha fallito, quindi mi sono rivolta alla magistratura per ripristinare la dignità delle istituzioni. Qualcuno ha storto il naso davanti ai motivi che mi hanno spinto a denunciare, ma poi si è avuta la conferma plastica di come la politica riesca a non dare risposte anche a se stessa”. Perché nei giorni seguenti […]
Lobby - 21 novembre 2017

Acciaierie Piombino, Calenda rompe con Aferpi dopo 3 anni di ‘prese in giro’. Il sindaco: ‘Ha capito che non è attendibile’

Tre anni dopo i tweet di giubilo di Matteo Renzi, la situazione delle acciaierie di Piombino precipita definitivamente. Il rilancio dell’ex Lucchini non avverrà per mano dell’algerino Issad Rebrab. È stata un presa in giro, come la definisce il ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda. Tanto che il sindaco della città in provincia di Livorno, Massimo […]
Catastrofi naturali, qualcuno confonde ancora la pericolosità con il rischio?
Il cibo bio riduce i pesticidi nel corpo. Mangiare senza compromettere la salute è possibile

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×