“Siamo fortunati che i playoff sono vicini a casa. A me piacciono molto le trasferte. Vedremo se con dei FrecciaRossa o con dei canotti riusciremo a raggiungere questa località. È ancora in Italia?”. Così Federico Ballandi, proprietario di Kontatto, main sponsor della Fortitudo Bologna, ha fatto l’in bocca al lupo alla squadra per la prima sfida dei quarti di finale playoff di Serie A2 di basket contro la Fortitudo Agrigento. Le parole inopportune rivolte alla città siciliana hanno suscitato le risate del neo-acquisto Daniele Cinciarini e del general manager del club emiliano Christian Pavani. Che nel pomeriggio ha voluto precisare: “Non c’era nulla di offensivo né denigratorio nella mia reazione. Due mesi fa la Fortitudo si è recata cinque giorni consecutivi in Sicilia per effettuare una sorta di mini ritiro in preparazione ai playoff che io stesso ho voluto. – spiega – Credo sia giusto scusarsi con chi, in quel sorrisino che mi viene attribuito, ha visto un atto offensivo. Augurandomi che venga riconosciuta la nostra più totale e sincera buona fede”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Più che una scivolata, uno scivolone. Il giocatore si schianta contro il palo: che dolore

prev
Articolo Successivo

Roma, il Comune chiede lumi sulla concessione alla Bocciofila Flaminio. Ma rischia una causa milionaria

next