Il cognato di Arturo Vidal è stato ucciso da sei colpi di pistola esplosi sabato pomeriggio in pieno centro a San Joaquin, quartiere di Santiago del Cile. Eduardo Neira Guerra, 30 anni, marito della sorella minore del calciatore cileno, si trovava in auto fermo a un incrocio quando, secondo fonti della polizia cilena, gli si è affiancata una seconda vettura da cui sono partiti i colpi che lo hanno ucciso. Restano poco chiare le cause del delitto, ma i media locali non escludono un movente legato al narcotraffico.

Secondo la ricostruzione del sito cileno La Cuatra, il cognato di ‘Re Arturo’ aveva percorso con la sua Mazda nera via Benozzo Gozzoli, quando è stato raggiunto dai malviventi. Guerra è riuscito a uscire dall’auto e chiamare aiuto. “Degli agenti lo hanno soccorso ed è stato trasferito rapidamente all’ospedale Barros Luco, dove pochi minuti dopo è deceduto”, ha spiegato a La Cuatra il capitano Felipe Cerda.

Come scrive sempre il sito cileno, non è ancora chiaro dove si trovasse Ambar Scarlett Vidal Pardo, sorella del calciatore ex Juventus, al momento dell’omicidio. La donna nel 2014 aveva denunciato il compagno per violenza domestica. Guerra lascia la moglie e due figli. Vidal, ora in forza al Bayern Monaco allenato da Carlo Ancelotti, sabato pomeriggio era impegnato nella sfida di campionato tra i bavaresi e il Magonza, terminata sul punteggio di 2-2.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Genova, l’inchiesta della Procura: “Ricatti degli ultrà del Genoa a Gasperini”. Procuratore Cozzi: “Stile mafioso”

next
Articolo Successivo

Foggia e il suo ritorno nel calcio che conta: unica notizia nella noia calcistica domenicale della Serie A

next