Nel giorno dell’approvazione alla Camera dei deputati della legge sul biotestamento alcuni parroci in Molise hanno suonato le campane a morto. A comunicarlo è Don Mario Fangio, prete di Carovilli, in provincia di Isernia, che ha partecipato all’iniziativa insieme ai sacerdoti delle parrocchie di Pietrabbondante (Isernia), Castropignano, Duronia, e Salcito (Campobasso). A Pietrabbondante è stato anche afflitto un necrologio. Rispetto alle Disposizioni anticipate di trattamento (Dat) contenute nella legge, si è pronunciato anche il presidente della Cei Angelo Bagnasco. “Rischia di aprire derive pericolose”, ha detto a Repubblica. “Una norma importante, ma alcuni elementi spero possano essere rivisti al Senato”, è invece il commento del ministro della Salute, Beatrice Lorenzin.

I parroci di Isernia e Campobasso spiegano in una nota di aver voluto “richiamare all’attenzione delle loro comunità il funesto evento legislativo, che creerà una grande mole di problemi e minerà alla base la certezza della indisponibilità della vita umana”. I sacerdoti chiedono di “emendare sostanzialmente al Senato la norma e bocciarla come inutile, potendo fare riferimento già alle normative sull’accanimento terapeutico e sulle cure palliative”. Il manifesto di necrologio esposto a Pietrabbondante recita: “Le campane suonano a morto perché la Vita è vittima della morte dall’aborto all’eutanasia delle Dat. Con queste l’Italia ha scelto di ‘far morire‘, non di far vivere. Prosit”.

La legge sul biotestamento approvata ieri dalla Camera è “sicuramente una norma importante e molto complessa perché riguarda aspetti delicati della vita delle persone”, ha detto il ministro Lorenzin a margine dell’inaugurazione all’Istituto superiore di Sanità del primo Museo di Sanità pubblica italiana. Poi ha aggiunto: “Sono però rimasti in sospeso alcuni elementi, a partire dal registro delle Disposizioni anticipate di trattamento, che spero possano essere ripresi prima dell’approvazione al Senato”.

Negativo il giudizio sul biotestamento del cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Cei: “Rimane un testo nel quale non possiamo riconoscerci, pur rilevando l’impegno con cui alcuni hanno cercato di migliorarne singoli aspetti”. In un’intervista a Repubblica l’alto prelato ha affermato che la legge “rischia di aprire derive pericolose, come è avvenuto con altre leggi”. “Comunque – ha concluso – rimane lontana da quell’impostazione personalistica che trova riflesso anche nella Costituzione della nostra Repubblica, che tutela la salute come diritto dell’individuo e interesse della collettività”.

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Io sto con la sposa”, su Sky il docufilm di Gabriele Del Grande: incarcerato in Turchia dal 10 aprile

next
Articolo Successivo

Biotestamento: finalmente la svolta, ma come verrà attuata la nuova normativa?

next