Sono passati 10 giorni da quando Gabriele è detenuto in Turchia. Siamo molto preoccupati che i 14 giorni passino senza che lui venga espulso. L’appello nostro e della Farnesina è che Gabriele venga espulso entro i 14 giorni e che venga rimpatriato solo per un reato amministrativo. Temiamo molto che le cose si complichino”. Sono le parole di Alexandra D’Onofrio, la compagna del documentarista Gabriele Del Grande, intervistata da Gaia Tortora durante Omnibus (La7). La regista e antropologa spiega che 14 giorni è il periodo massimo di un fermo in Turchia per reati amministrativi e aggiunge: “Non abbiamo avuto ancora nessuna informazione ufficiale su cosa gli contestano. Ufficiosamente ci è stato detto che si trovava in una zona interdetta all’accesso. Questo dettaglio è gravissimo, perché non abbiamo ancora notizie ufficiali sul fermo di Gabriele. Ieri al centro dove si trova Gabriele si sono presentati l’avvocato e il viceconsole italiano: hanno tentato di vedere Gabriele. Sono stati lì l’intera giornata, non gli è stata concessa l’autorizzazione. Però gli hanno concesso di potergli portare vestiti e schede telefoniche, si spera che qualcosa Gabriele possa ottenere dal di fuori. E’ un segno che è seguito e che ci siamo mobilitati”. Poi sottolinea: “Abbiamo ottenuto questa benedetta chiamata di Alfano con il ministro degli Esteri turco, e c’è stata la promessa di un incontro tra Gabriele e il console venerdì. Ancora non è stato ottenuto l’incontro con l’avvocato. Ed è questa la cosa che chiede principalmente Gabriele, che viene interrogato continuamente ogni giorno senza avvocato

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fatima, Papa Francesco: “I pastorelli saranno santificati il 13 maggio”. Nel centenario delle apparizioni della Vergine

prev
Articolo Successivo

Csm, la denuncia: “Dopo la chiusura degli Opg, le Rems sono piene e i criminali malati mentali restano liberi”

next