Una rampa di collegamento del viadotto della tangenziale di Fossano, nel Cuneese, è crollata improvvisamente sulla strada sottostante, via Marene. Distrutta un’auto dei carabinieri, che stava effettuando un posto di blocco. I militari, secondo le prime informazioni, hanno sentito degli scricchiolii e hanno fatto in tempo a mettersi in salvo. In via precauzionale, la polizia locale, con l’ausilio delle altre forze dell’ordine, sta lavorando alla chiusura totale della tangenziale. Al momento del crollo non c’erano auto in transito sul viadotto. Sul posto vigili del fuoco e personale del Comune stanno cercando di comprendere le cause del collasso della struttura.

“Siamo due miracolati”: lo dicono i due carabinieri scampati al crollo del cavalcavia. Si tratta di un carabiniere di 25 anni e di un maresciallo aiutante di 55, entrambi in servizio alla stazione di Fossano. Sotto choc, i due militari sono stati visitati sul posto dal 118.

Si tratta del terzo caso in pochi mesi. A ottobre era crollato un ponte sulla strada provinciale 49, che collega Annone Brianza a Cesana Brianza, in provincia di Lecco, e un tir era precipitato su un’auto. Mentre nemmeno sei mesi dopo, a marzo, un cavalcavia della A14 era collassato all’altezza di Castelfidardo, uccidendo due persone.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il prete anti-Bergoglio annulla il raduno degli ultra-cattolici. Tre settimane fa l’annuncio: “Noi come martiri”

next
Articolo Successivo

Novara, stagista 17enne ruba merce: l’imprenditore gli chiede soldi per non raccontarlo ai genitori

next