C’erano tre ore per chiudere un ponte dal quale si stavano staccando calcinacci. Ma tre ore non sono state sufficienti per interrompere il traffico sul cavalcavia, almeno per precauzione. Quel ponte che lungo la strada provinciale 49 collega Annone Brianza a Cesana Brianza (provincia di Lecco) è venuto giù, perché non ha retto l’ulteriore peso di un tir che stava viaggiando con un trasporto eccezionale, un carico di bobine d’acciaio. Il camion è precipitato insieme alla campata centrale del cavalcavia, che si è staccata in blocco, addosso alla strada statale 36 che collega Milano a Lecco e per lunghi tratti costeggia il lago di Como. Quattro auto sono state schiacciate da tir e cemento: a bordo di una di queste si trovava Claudio Bertini, che abitava a Civate, poco distante da Annone, che solo per un caso è l’unica vittima. “Ho visto il ponte crollare e ho fermato la mia auto pochi metri prima, sono vivo per miracolo” racconta un testimone, Roberto, 32 anni, che era alla guida di una Fiat Punto. All’ospedale sono finiti in 4 e nessuno di loro è grave: l’autista del tir e una famiglia, padre madre e figlia di 12 anni.

Provincia e Anas si rimpallano le responsabilità
La Procura di Lecco ha già aperto un fascicolo per omicidio colposo e disastro colpo e i vigili del fuoco sono ancora al lavoro per tagliare le travi e sollevare i blocchi del ponte crollato, mentre il viceministro dei Trasporti Riccardo Nencini promette una commissione d’inchiesta. Nel frattempo Anas e Provincia si scaricano addosso le colpe. Da una parte l’Anas che a più riprese e anche per iscritto sostiene di aver “ripetutamente sollecitato la chiusura” del traffico sul ponte. Dall’altra la Provincia che contesta di aver mai ricevuto una richiesta così netta. In mezzo gli impicci burocratici: la Provincia che ha chiesto un’ordinanza di chiusura, per la quale però serve un sopralluogo, i funzionari dell’Anas che – se davvero avesse ravvisato il pericolo imminente – poteva chiedere alle forze dell’ordine la chiusura in autonomia. Una situazione di incertezza, di rimpallo e di scontro che – secondo fonti del Fatto Quotidiano – non si sviluppa solo in queste ore di ricostruzione degli eventi, ma che ha contraddistinto anche quelle tre ore in cui qualcuno doveva prendere la decisione di chiudere il cavalcavia. In mezzo, tra l’altro, c’è anche l’autorizzazione al passaggio di un trasporto eccezionale, concessa di nuovo dalla stessa Provincia. E’ ovvio che anche il peso “notevole” ha avuto un ruolo su quello che è accaduto.

La manutenzione di un ponte vecchio di 40 anni
Come si vede la questione si divide già in due. Primo: la gestione dell’emergenza di oggi con la chiusura ritardata del ponte. Secondo: la manutenzione del ponte. La Provincia sottolinea infatti che i lavori di messa in sicurezza toccano all’Anas. Sul cavalcavia crollato, racconta all’AdnKronos il sindaco di Annone Patrizio Sidoti, si effettuarono alcuni lavori “circa 7-8 anni fa“, dopo che “un camion ci aveva picchiato dentro col tettuccio, spaccando mezza trave”. Più precisamente, come ripete il presidente della Provincia di Lecco Flavio Polano (sindaco di Melgrate, Pd), la manutenzione del ponte spetta ad Anas “perché di loro proprietà – dice – Alla Provincia di Lecco, compete solo la gestione dell’asfalto del tratto provinciale”. Poi c’è la storia di quel ponte, vecchio di oltre 40 anni, con l’ex sindaco di Annone Brianza che rivela di aver chiesto l’abbattimento e la ricostruzione e aver ricevuto un diniego quasi sprezzante.

L’Anas: “Avevamo chiesto la chiusura del ponte”
A prescindere dalla manutenzione, c’è lo sviluppo degli eventi di oggi. L’Anas manda poco dopo il crollo una nota alle agenzie di stampa con cui ricostruisce i fatti della giornata. La società statale racconta di aver chiesto di chiudere il traffico sul ponte subito dopo la caduta di alcuni calcinacci sulla Statale, intorno alle 14, dopo la quale si è deciso anche di chiudere una corsia della superstrada. Subito dopo il cantoniere, che si trovava insieme a una pattuglia della polizia stradale di Lecco, ha contattato gli addetti dell’ufficio mobilità della Provincia di Lecco e li ha “ripetutamente sollecitati alla immediata chiusura della strada provinciale” si legge nella nota dell’Anas. Ma a quel punto gli addetti della Provincia hanno risposto che serviva un’ordinanza formale di Anas che però sottintende una ispezione visiva e diretta da parte del “capocentro”. Quest’ultimo “si è attivato subito”, ma proprio mentre arrivava sul posto (poco dopo le 17) il cavalcavia è crollato.

Tindaro Sauta, capocantoniere Anas, ripete di aver tentato di tutto per evitare il disastro. Ha visto tutto in diretta: “Io ero lì ero ancora lì a deviare il traffico quando ho visto quel disastro, è stato terribile, sono corso subito, ma ho capito che per quel poveretto nell’auto schiacciata dal Tir non c’era più nulla da fare. Se avessi potuto lo avrei sollevato con le mie mani quel ponte, sono felice che almeno ho contribuito ad salvare una ragazzina”. Sauta racconta che una volta sul posto per la segnalazione dei calcinacci ha fermato la Stradale e ha chiesto di avvertire la Provincia. “Quindi – continua – con quei pochi mezzi che ho a disposizione, i coni, qualche striscia bianca e rossa, ho chiuso la corsia al traffico”. Cioè la strada sotto. Ma quella sopra? “Io non sono un tecnico – continua – ma credo che da parte della Provincia ci sia stata una grande leggerezza, io ho fatto quello che potevo, sono padre di 4 figli…”.

La Provincia: “Se c’era emergenza, potevano chiuderla loro”
Ma la ricostruzione è ribaltata dalla versione della Provincia. Il responsabile della viabilità dell’ente, Angelo Valsecchi, è più diretto: “Non serviva un’ordinanza, se Anas riteneva di chiudere la strada poteva chiuderla”. Non solo: “in emergenza potevamo chiudere il ponte”, ma “la comunicazione da Anas alla provincia non era così esplicita“. Come precisa il presidente Polano “la richiesta che ci è pervenuta è diversa”. Secondo il racconto dell’ingegner Valsecchi “l’Anas stava eseguendo verifiche su una struttura di sua proprietà e noi eravamo in attesa delle loro determinazioni”. Per la Provincia, insomma, il proprietario del ponte era l’Anas, quindi quando il proprio personale è arrivato sul posto (14,30) aspettava le verifiche strutturali della società statale. “Competono a loro, noi eravamo in attesa delle risultanze, eravamo attivati ma Anas non ci ha detto di chiudere la strada – conclude Valsecchi – Se il ponte non è di mia proprietà loro mi devono dire cosa fare, noi – ribadisce – eravamo pronti ad attivarci e in attesa delle loro determinazioni”.

La Lega: “Renzi taglia i fondi per la manutenzione”
La Lega Nord intanto già solleva la questione delle risorse. “In questi due anni – dice Paolo Grimoldi, segretario della Lega Lombarda – Renzi e il suo governo hanno tagliato fondi all’Anas per la manutenzione delle nostre strade, hanno tagliato fondi ai Comuni e alle mai soppresse Province e oggi i cittadini lombardi ne pagano un terribile prezzo”. “La statale 36 e la superstrada del lago – aggiunge il senatore del Carroccio Jonny Crosio – necessitano di manutenzione, ma Anas ritiene sufficiente abbassare i limiti di velocità per garantire la sicurezza. Una presa in giro”. Il consigliere regionale del Movimento Cinque Stelle, Stefano Buffagni, scrive: “Io non posso accettare di vivere in un Paese in cui si rischia di morire perché cade tutto a pezzi. Dobbiamo tornare ad investire nella manutenzione del territorio e delle opere già presenti, spesso fatiscenti e pericolanti“. Per Alessandro Alfieri, segretario regionale del Pd in Lombardia, “fatti così non devono succedere, sono inaccettabili. Spero si accertino presto le cause e le responsabilità vere, non quelle affibbiate frettolosamente dai soliti sciacalli politici“.