La maternità ha subito una trasformazione nel tempo. Come rilevato dal rapporto annuale Istat sulla condizione del Paese, negli ultimi anni si è assistito a un significativo slittamento in avanti del calendario riproduttivo: l’età media del parto continua ad elevarsi (31,6 anni nel 2015), così come cresce il numero delle famiglie monogenitoriali, composte in prevalenza da mamma e bambino.

Le condizioni economiche impongono inoltre l’impegno lavorativo da parte della madre, per mantenere il bambino o contribuire al sostentamento della famiglia.
La relazione mamma-bambino che ne consegue è approfondita da due psicologhe Margherita Passalacqua e Daniela Bernardo che  a Milano seguono il progetto …e dopo la cicogna? Primi passi con mamma e bebè, sviluppato nell’ambito delle attività di Arpa Volontariato.

Il progetto nasce da un’esigenza precisa: “Interrogandoci sulle nuove esigenze di cura del contesto attuale nell’ambito del benessere psicologico e osservando l’esperienza della maternità vissuta dalle persone attorno a noi, ci siamo accorte di come fossero comuni dei momenti di solitudine e preoccupazione, spie di una necessità di sostegno e vicinanza. Queste riflessioni e la conoscenza degli studi relativi all’importanza della relazione mamma-bambino, che l’Infant research ha portato avanti negli ultimi anni, hanno stimolato lo sviluppo dell’idea”.

Si tratta di un percorso che prevede “otto incontri settimanali in home visiting, durante i quali una psicologa accompagnerà la mamma e il suo bebè in un percorso di sostegno alla relazione e all’elaborazione delle emozioni ad essa connesse”. Pur consapevoli che l’intervento non può essere del tutto risolutivo, le studiose precisano che 8 incontri sono sufficienti a “comprendere le dinamiche relazionali e a creare un solco da cui può nascere un cambiamento”.

L’intervento può essere richiesto da tutte le mamme con bebè entro il primo anno di vita ed è completamente gratuito. Per partecipare è possibile contattare Arpa Volontariato al numero 02.55191221 o scrivere all’indirizzo mail arpa.volontariato@virgilio.it.

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Siete sul sentiero della felicità? Un test da 19 domande per esserne certi

next
Articolo Successivo

Social network e anonimato: libertà o irresponsabilità?

next