Cartelli e svastiche sulle saracinesche dei negozi gestiti da stranieri nel quartiere di Tor Bella Monaca, nella periferia di Roma. Azione Frontale, movimento xenofobo e neofascista nato da una costola di Forza Nuova, ha organizzato una serie di blitz notturni nei giorni scorsi durante i quali ha affisso manifesti che recitavano: “Aiuta il tuo popolo. Boicotta i negozi stranieri, sostieni le attività commerciali italiane nel tuo quartiere”. Come ricostruito da Repubblica, gli interventi hanno interessato quattro attività commerciali del quartiere tra i più degradati della Capitale: un salone specializzato in acconciature afro-cubane, un ristorante cinese, una macelleria romena, a un centro estetico orientale.

Non è il primo blitz di Azione Frontale nella zona. Due mesi fa, ricorda il quotidiano, sempre con striscioni e cartelli di minacce il gruppo aveva provocato l’annullamento della tappa romana del tour di Bello Figo, il rapper di origini ghanesi che prende in giro gli stereotipi sugli immigrati. Nel 2014 avevano spedito teste di maiale alle comunità ebraica. Stavolta l’obiettivo erano gli esercizi commerciali gestiti da stranieri. “In un periodo di crisi senza fine”, si sono giustificati, “sostenere le attività italiane è di fondamentale importanza non solo economica, ma anche per riscoprire il valore dell’unità di popolo”. Una delle titolari dei negozi “marchiati” ha raccontato Repubblica di non voler denunciare: “Per queste cavolate? E poi, pure se lo faccio, qui prima che arrivi qualcuno passa una vita”. Il clima è di rassegnazione: “Mi difendo da sola, preferisco. Se pure ti dico che qui ho qualche problema, poi che fai, mi aiuti te?”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Killer di Budrio, folla ai funerali della guardia uccisa. L’appello del vicario del vescovo: “Costituisciti”

next
Articolo Successivo

Foggia, bambini maltrattati a scuola: quattro maestre agli arresti domiciliari

next