“Mi fa rabbia, perché era stato espulso dall’Italia e invece è ancora qua in giro. Dopo due omicidi si danno da fare, non so se sia giusto”. Maria Sirica, moglie di Davide Fabbri, il barista ucciso il primo aprile, ha riaperto il locale di Riccardina di Budrio dove è stato ucciso il marito. Di Igor Vaclavic, il latitante con tanti alias, sospettato numero uno per il delitto di Davide e per quello, avvenuto una settimana dopo, di Valerio Verri, ha parole durissime: “Basta, deve essere ammazzato”. Su Igor ‘il Russo’ – a Bologna in realtà indagato con l’alias di Ezechiele Norberto Feher pendeva da mesi un mandato di arresto europeo per alcune rapine del 2015. Ma non era mai stato catturato. “Per colpa di chi non si è dato da fare prima, siamo già due famiglie distrutte”, ha commentato Maria

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vicenza, insegnante trans sospesa: studenti trovano foto su sito hard

next
Articolo Successivo

“Insegnanti, spiegate ai vostri studenti cos’è la ‘ndrangheta”. Il toccante discorso del carabiniere che ha fatto il giro del web

next