Sale a cinque il bilancio delle vittime dell’attentato di Londra del 22 marzo. Non ce l’ha fatta Andreea Cristea, 31 anni, la donna romena rimasta gravemente ferita dopo l’attentato, nel corso del quale era precipitata nel Tamigi dal Westminster Bridge ed era stata recuperata dai soccorritori. Lo riporta la Bbc.

“È morta dopo aver lottato per più di due settimane in ospedale”, si legge nel comunicato diffuso dalla famiglia di Cristea. La donna si trovava a Londra in vacanza col fidanzato, Andrei Burnaz, che aveva deciso di chiederle di sposarlo proprio nel giorno dell’attacco sul Westminster Bridge. Il sindaco di Londra Sadiq Khan si è detto “profondamente rattristato” per la morte della turista.

“La ricorderemo sempre come il nostro raggio di luce che continuerà a brillare nei nostri cuori” hanno aggiunto i familiari della vittima, descritta come “una figlia, sorella e fidanzata meravigliosa, amica devota e la persona più unica e amante della vita che possiate immaginare”. La famiglia inoltre ha ringraziato “l’infinita dedizione” dello staff medico che ha seguito Cristea e ha cercato di salvarla.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Siria, la stampa araba: “Russia era a conoscenza. Raid limitati a depositi e strutture, non alle piste”

next
Articolo Successivo

Attacco Usa in Siria, Trump: “Idlib? Disgrazia per l’umanità”. Ma parla davanti a Guerre stellari

next