Sale a cinque il bilancio delle vittime dell’attentato di Londra del 22 marzo. Non ce l’ha fatta Andreea Cristea, 31 anni, la donna romena rimasta gravemente ferita dopo l’attentato, nel corso del quale era precipitata nel Tamigi dal Westminster Bridge ed era stata recuperata dai soccorritori. Lo riporta la Bbc.

“È morta dopo aver lottato per più di due settimane in ospedale”, si legge nel comunicato diffuso dalla famiglia di Cristea. La donna si trovava a Londra in vacanza col fidanzato, Andrei Burnaz, che aveva deciso di chiederle di sposarlo proprio nel giorno dell’attacco sul Westminster Bridge. Il sindaco di Londra Sadiq Khan si è detto “profondamente rattristato” per la morte della turista.

“La ricorderemo sempre come il nostro raggio di luce che continuerà a brillare nei nostri cuori” hanno aggiunto i familiari della vittima, descritta come “una figlia, sorella e fidanzata meravigliosa, amica devota e la persona più unica e amante della vita che possiate immaginare”. La famiglia inoltre ha ringraziato “l’infinita dedizione” dello staff medico che ha seguito Cristea e ha cercato di salvarla.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Siria, la stampa araba: “Russia era a conoscenza. Raid limitati a depositi e strutture, non alle piste”

prev
Articolo Successivo

Attacco Usa in Siria, Trump: “Idlib? Disgrazia per l’umanità”. Ma parla davanti a Guerre stellari

next