L’hanno trovato impiccato al primo piano di casa sua a Tricesimo, in provincia di Udine. Un cittadino romeno di 50 anni si è tolto la vita dopo una furiosa lite con l’ex moglie, che ha aggredito e violentato nell’abitazione familiare. Dopo l’aggressione, la donna è stata ricoverata in ospedale e sono iniziate le indagini. Quando gli investigatori sono andati a casa per interrogare l’uomo, hanno scoperto che si era suicidato.

Secondo la ricostruzione di polizia e carabinieri, la vicenda è iniziata lunedì sera quando l’uomo, rientrando in casa, ha trovato l’ex moglie al telefono. La donna, che aveva presentato istanza di separazione a inizio 2016 e si era trasferita all’estero, era rientrata da poco tempo in Friuli per assistere la figlia incinta, residente a Udine. Di comune accordo con l’ex marito, era tornata a vivere, da separata in casa, in quella che era stata la loro abitazione familiare.

Il marito l’ha aggredita, l’ha buttata sul divano e l’ha costretta a subire un rapporto sessuale. La donna è riuscita ad allontanarsi, ma lui l’ha inseguita e bloccata di nuovo, insistendo perché gli consegnasse il telefono. Mentre lui era impegnato a controllarne il contenuto, la donna è riuscita nuovamente a scappare e si è rifugiata in un vicino ristorante i cui gestori, sentendo le urla, avevano già chiamato i carabinieri. Accompagnata a casa della figlia a Udine, la donna poi è stata portata in ospedale. Piena di escoriazioni sul viso e sulle gambe, i medici le hanno dato una ventina di giorni di prognosi.

Dopo aver sentito la testimonianza della donna, martedì pomeriggio le forze dell’ordine si sono recate a casa della coppia per ulteriori accertamenti. Entrati in casa, gli agenti hanno trovato il corpo senza vita dell’uomo, impiccato a una trave. Sul posto non è stato trovato nessun biglietto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Belluno, andavano a casa con l’auto di servizio. Assolti trenta agenti della polizia provinciale

next
Articolo Successivo

Pescara, il 118 ha un nuovo elicottero super tecnologico. Ma è troppo pesante: non può atterrare in ospedale

next