“Pd senza simbolo e in un listone con Alfano alle amministrative a Palermo? Questo è il segno di un partito prostrato”. Così, ai microfoni de Ilfattoquotidiano.it, il candidato alla segreteria dem Andrea Orlando commenta la scelta del Pd di correre alle urne palermitane, in sostegno al sindaco uscente Leoluca Orlando, con un listone unico insieme all’alfaniana Alternativa popolare , nascondendo il simbolo dem. “Un partito prostrato – ha aggiunto Orlando – non è in grado di svolgere protagonismo politico. Se io sarò segretario, vi garantisco che almeno nei capoluoghi di provincia ci sarà il simbolo del Pd. Per quanto riguarda il presente, mi limito a dire che è il segno di una crisi politica forte. E chi non la vede non fa i conti la realtà”.

 

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Minzolini, Boldrini respinge la mozione degli ex M5s: “Inammissibile, la Camera non può decidere su affari del Senato”

next
Articolo Successivo

Caso Madia, Orlando preferisce il silenzio: “Deve lasciare? Non rispondo..”. Damiano: “No, fa bene il suo lavoro”

next