Per l’ex premier Enrico Letta, “è estremamente preoccupante il livello di tensione a cui si è arrivati” fra Turchia e Olanda, ed è una tensione “destinata a continuare perché il referendum in Turchia è fra un po’, non domani mattina”. Lo ha detto a Milano prima di partecipare a un incontro allo Iulm dedicato al tema dell’Europa. “Penso che queste vicende siano frutto dell’indebolimento dell’Europa. La logica positiva dell’Europa è sempre stata quella di tenere dentro un quadro” le tensioni. “Si era tentato di tenere la Turchia dentro un cerchio largo che consentisse di svelenire situazioni come queste – ha aggiunto – Quando non ci sono questi legami multilaterali, quando si indebolisce la dimensione europea, la spinta nazionalistica delle tensioni diventa difficilmente gestibile. Quando si entra nella logica di tensioni solo nazionali e di rivendicazioni gli uni contro gli altri – ha concluso – si sa dove si comincia, non si sa dove si finisce”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

D’Anna (Ala): “Emiliano? Una faccia da culo. Non uso altri termini, quella parte del corpo si chiama così”

next
Articolo Successivo

Pd, Brunetta (FI): “Renzi vuole riconquistare il partito con il ‘pugnetto’ alzato e chiamando ‘compagni’ i suoi iscritti”

next