Claudia Cirillo, ex collaboratrice di Ignazio Marino, rischia di andare a processo per aver mentito ai pm che indagavano sul caso scontrini costato il posto all’ex primo cittadino di Roma. Come è noto il chirurgo per quella vicenda è stato assolto in primo grado, ma Cirillo, stando a quanto riporta Il Messaggero, è ora nei guai per aver raccontato che era lei la donna che il 27 luglio 2013 cenò con l’allora sindaco della Capitale al ristorante La taverna degli amici: una delle 56 cene pagate con la carta di credito del Comune per le quali Marino fu accusato di peculato e falso.

Nel giustificativo di spesa del 27 luglio era riportato: “Banchetto offerto a rappresentante del World Health Organization“. A tavola con Marino c’era però una donna che il cameriere che li ha serviti ha in seguito identificato come la moglie dell’allora sindaco. E non la Cirillo, che aveva detto agli inquirenti di essere andata a cena con lui in quel locale per motivi di lavoro, “per parlare di progetti futuri”.

“Il pm Roberto Felici”, scrive il quotidiano romano, “ha firmato un avviso di conclusione delle indagini a suo carico, atto che solitamente ha come conseguenza una richiesta di rinvio a giudizio. L’accusa è di false dichiarazioni al pubblico ministero. A smascherare l’ex collaboratrice, i finanzieri del Nucleo di polizia tributaria, che hanno passato al setaccio i giustificativi di spesa dell’ex sindaco”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Strage di Bologna, pm chiedono di archiviare inchiesta su mandanti. Familiari vittime: ‘C’erano elementi seri’

next
Articolo Successivo

Mafia Capitale, il saluto fascista di Carminati durante l’udienza. Spunta il video: “Apologia di fascismo”

next