L’azienda di trasporti privati Uber è in grado di aggirare i controlli nelle città dove il servizio è vietato o sottoposto a restrizioni grazie alla sua app. Lo riporta il New York Times, che cita anche l’Italia tra i Paesi dove la società californiana ricorre a un sofisticato stratagemma per evitare che i suoi autisti vengano pizzicati dalle autorità.

Uber ha subito spiegato che “il programma si limita solo a negare le richieste di corse da parte di utenti che violano le nostre condizioni sull’uso del servizio”. Il sistema è operativo dal 2014 e viene tuttora utilizzato non solo in Italia ma anche a in Francia e negli Stati Uniti, oltre che in Australia, Corea del Sud e in Cina. A rivelarlo sono stati proprio alcuni dipendenti del servizio low-cost di trasporti privati, che hanno consegnato documenti che attestano la veridicità dei loro racconti. Le fonti hanno deciso di restare anonime per paura di ritorsioni.

Il sistema per ingannare poliziotti, investigatori e funzionari pubblici si basa su un programma chiamato Greyball, che usa informazioni e dati raccolti attraverso l’app. Greyball permette a Uber di individuare le persone da cui parte la richiesta di trasporto, bloccando immediatamente la corsa se nasce il sospetto che dietro ci sia una trappola. Nel momento in cui arriva la prenotazione sospetta, infatti, sull’app compare una macchinina fantasma che si avvicina al punto in cui si trova il finto cliente ma che in realtà non arriverà mai.

Il trucco è stato scoperto due anni fa nel corso di alcune indagini a Portland, in Oregon, città in cui Uber operava senza i regolari permessi. Dopo che il servizio di trasporti è stato dichiarato illegale, si è capito che gli investigatori venivano individuati e “taggati” nel momento in cui attivavano la app, permettendo agli autisti che operavano illegalmente di farla franca.

La rivelazione del Nyt rischia di alimentare tensioni ora che Uber sta scatenando polemiche in Italia e altri Paesi. C’è inoltre il rischio di conseguenze legali per la società di San Francisco, presente in 70 Paesi e con un valore di mercato attorno ai 70 miliardi di dollari.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fisco, parte la nuova voluntary disclosure e le Entrate annunciano controlli su chi ha spostato la residenza all’estero

prev
Articolo Successivo

Finanze Vaticane, nel 2015 per la Santa Sede un disavanzo di 12,4 milioni di euro

next