Badia a Coltibuono 2014

chianti-classicoPassiamo al Chianti Classico, ma invece che soffermarsi sulla nuova annata assaggiata all’anteprima alla Leopolda (su cui bisogna chiarirsi le idee con calma) tornei alla “disastrosa” 2014, che continua a dimostrarsi molto interessante e particolarmente adatta per chi preferisce i toni sussurrati ai muscoli e alla struttura. Ribevuto ieri per la quarta volta negli ultimi 12 mesi, il Chianti di Badia a Coltibuono continua a sorprendere. Un capolavoro di equilibri complessi tra frutti rossi, agrumi e sapidità. È sottile, vibrante, gustoso e va giù che è una meraviglia. Non conta, ma conta. Difficile immaginarne gli sviluppi, ma attualmente è in forma stellare.

INDIETRO

Vini, tre idee (splendide) di Sangiovese

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

San Valentino 2017, i cibi afrodisiaci dei vip: dalle ostriche della Rodriguez alla minestrina del Mago Forrest

next
Articolo Successivo

Food-porn in tv: cibo o sesso, fa lo stesso

next