Febbraio è il mese del più celebrato dei vitigni toscani. Tra anteprime, manifestazioni, degustazioni e alcolismi domestici finisco sempre seppellito da ettolitri di rossi a base sangiovese. Ci sono pene peggiori ne sono consapevole, anche se sedersi alle 10 di mattina di fronte a un centinaio di Brunello di Montalcino e alzarsi 8 ore dopo con il volto di Jack La Motta può non essere l’affare del secolo.

L’universo è vasto e non sempre digeribile, ma ancora una volta a vincere sono la vivacità e il trasformismo del vitigno, la sua capacità di essere gentile o selvaggio, nervoso o corpulento, da battaglia o da invecchiamento. Prendiamo tre modelli antitetici, quanto deliziosi, per motivi estremamente diversi.

Vini, tre idee (splendide) di Sangiovese

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

San Valentino 2017, i cibi afrodisiaci dei vip: dalle ostriche della Rodriguez alla minestrina del Mago Forrest

next
Articolo Successivo

Food-porn in tv: cibo o sesso, fa lo stesso

next