Febbraio è il mese del più celebrato dei vitigni toscani. Tra anteprime, manifestazioni, degustazioni e alcolismi domestici finisco sempre seppellito da ettolitri di rossi a base sangiovese. Ci sono pene peggiori ne sono consapevole, anche se sedersi alle 10 di mattina di fronte a un centinaio di Brunello di Montalcino e alzarsi 8 ore dopo con il volto di Jack La Motta può non essere l’affare del secolo.

L’universo è vasto e non sempre digeribile, ma ancora una volta a vincere sono la vivacità e il trasformismo del vitigno, la sua capacità di essere gentile o selvaggio, nervoso o corpulento, da battaglia o da invecchiamento. Prendiamo tre modelli antitetici, quanto deliziosi, per motivi estremamente diversi.

Vini, tre idee (splendide) di Sangiovese

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

San Valentino 2017, i cibi afrodisiaci dei vip: dalle ostriche della Rodriguez alla minestrina del Mago Forrest

next
Articolo Successivo

Food-porn in tv: cibo o sesso, fa lo stesso

next