“Se i malati terminali potessero bloccare le strade, le stazioni o il traffico come altri hanno fatto la legge sull’eutanasia l’avremmo avuta quarant’anni fa”. E’ quanto ha affermato l’esponete radicale Marco Cappato, poco prima di entrare nella caserma dei carabinieri in centro a Milano per ‘autodenunciarsi’ e raccontare come ha aiutato dj Fabo a raggiungere una clinica in Svizzera dove è morto. “Entrerò e racconterò semplicemente quello che ho fatto – ha aggiunto Cappato – e come ho aiutato Fabo ad ottenere assistenza medica alla morte volontaria. Sarà poi compito dello Stato – ha proseguito – decidere se girare la testa dall’altra parte o consentire di difendere le mie ragioni in un’aula di tribunale”.  Cappato sottolinea infine come “non può essere che se tu hai diecimila euro e la condizione di trasportabilità vai in Svizzera e se invece stai inchiodato al letto e non hai soldi devi subire o il suicidio nelle condizioni più terribili o una tortura di vita che non vorresti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dj Fabo, Cappato vs Maria Antonietta Coscioni: “Welby? Parli di vicende che non conosci e non hai seguito”

next
Articolo Successivo

Dj Fabo, Cappato si autodenuncia ai carabinieri. “E stiamo aiutando altre due persone ad andare in Svizzera”

next