Nel filmato, registrato dalla bodycam di un poliziotto di Baltimora, il consigliere comunale Robert Stokes viene fermato per un controllo di polizia dopo aver commesso due infrazioni: non si è fermato a uno stop e ha svoltato senza mettere la freccia. Oltre alla presenza di due fanalini posteriori rotti. Stokes, quindi, viene invitato a scendere dall’auto e appare fin da subito poco sobrio. Insospettito dal suo atteggiamento e dal forte odore di alcol, l’agente gli chiede se abbia alzato un po’ il gomito e lui risponde di aver bevuto soltanto una birra. Il controllo procede come da manuale, o quasi. Infatti, al consigliere non viene fatto fare l’alcol test e viene lasciato andare con un semplice ammonimento e con l’obbligo di parcheggiare la sua auto lì affianco, perché incapace di guidare.  La diffusione del filmato ha scatenato non poche polemiche per il trattamento riservato a Stokes, considerato da molti “troppo morbido”, e diverso solo per la carica da lui ricoperta. Un portavoce della polizia ha risposto alle accuse affermano che il poliziotto ha “gestito la situazione con discrezione e professionalità“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Oscar 2017, i vincitori assenti a causa del Muslim ban. L’iraniano Farhadi: “Legge disumana”, il siriano Khatib: “Respinti”

prev
Articolo Successivo

Carnevale di Rio, intervista alla ballerina che esibisce il ‘body painting’. Ma mostra troppo: la diretta è imbarazzante

next